News

Con questa mossa Netflix ha perso 200.000 abbonati

Condividi l'articolo

Stop alla condivisione delle password e il gigante del cinema in streaming crolla a picco.

Netflix Inc. è scesa fino al 26% durante il trading pre-mercato a New York mercoledì, dopo aver affermato di aver iniziato a perdere clienti per la prima volta in un decennio.

Se i ribassi dovessero reggere, il leader dello streaming vedrà circa 40 miliardi di dollari di valore di mercato spazzati via dall’oggi al domani, mettendolo sulla buona strada per diventare il titolo con la performance peggiore dell’anno sia sull’indice S&P 500 di riferimento che sull’indice Nasdaq 100.

Netflix ha affermato che nei prossimi due anni introdurrà un’opzione più economica e supportata dalla pubblicità per gli abbonati e inizierà a reprimere le persone che condividono le loro password anche prima. Netflix ridurrà anche la sua spesa per film e programmi TV in risposta alle perdite dei clienti.

Il co-fondatore Reed Hastings ha affermato per anni che non vuole offrire pubblicità e non ha avuto problemi con la condivisione delle password. Ma la società sta cambiando rotta dopo aver perso 200.000 clienti nel primo trimestre, la prima volta che ha perso abbonati dal 2011. Netflix ha anche previsto che si ridurrà di altri 2 milioni di clienti nell’attuale secondo trimestre, un’enorme battuta d’arresto per un’azienda che regolarmente è cresciuto di 25 milioni di abbonati o più all’anno.

“È semplicemente scioccante”, ha affermato l’analista Michael Nathanson di MoffettNathanson LLC. “Tutto quello di cui hanno cercato di convincermi negli ultimi cinque anni è stato abbandonato in un quarto. È una tale faccia tosta”.

Investitori, analisti e dirigenti di Hollywood si stavano preparando affinché la società segnalasse un inizio anno lento, ma Wall Street si aspettava comunque che Netflix aggiungesse 2,5 milioni di clienti nel primo trimestre. Le azioni sono già scese di oltre il 40% quest’anno.

Hastings e il co-amministratore delegato Ted Sarandos avevano precedentemente respinto il rallentamento delle registrazioni degli abbonati dell’azienda come un aumento di velocità legato alla pandemia, che aveva accelerato la crescita di Netflix nel 2020. Ma la crescita dell’azienda non è tornata ai livelli pre-pandemia.

Quattro cause

La direzione ha indicato quattro cause, inclusa la prevalenza della condivisione delle password e la crescente concorrenza. La società ha affermato che ci sono più di 100 milioni di famiglie che utilizzano il suo servizio e non lo pagano, oltre ai suoi 221,6 milioni di abbonati. La società con sede a Los Gatos, in California, sta sperimentando modi per iscrivere quegli spettatori, come chiedere alle persone che condividono l’account di qualcun altro di pagare di più.

“Ci consente di generare entrate per tutti coloro che guardano per ottenere valore dall’intrattenimento che stiamo offrendo”, ha affermato il direttore operativo Greg Peters durante un’intervista con l’analista Doug Anmuth di JPMorgan Chase & Co.

I problemi di Netflix sono un segnale di avvertimento per i suoi colleghi e concorrenti. Dopo aver visto milioni di clienti abbandonare la pay TV per lo streaming, i giganti dell’intrattenimento statunitensi si sono fusi e ristrutturati per competere con Netflix. Gli investitori hanno incoraggiato questo cambiamento strategico, aumentando le azioni di società come Walt Disney Co. che hanno dimostrato un impegno per lo streaming.

Gli investitori hanno iniziato a chiedersi se alcune di queste società di media registreranno abbastanza clienti per giustificare tutti i soldi che stanno spendendo per una nuova programmazione. La Disney è scesa fino al 5,2% negli scambi estesi dopo che Netflix ha riportato le sue prospettive, mentre Warner Bros. Discovery Inc., il proprietario di HBO Max, è scesa fino al 2,8%. Le azioni di Roku Inc., il produttore di set-top box per lo streaming, sono scese dell’8,3%.

Tutti questi concorrenti offrono servizi supportati dalla pubblicità o stanno pianificando di farlo nel prossimo futuro. Analisti e concorrenti hanno ipotizzato che Netflix avrebbe offerto pubblicità per anni, solo per essere rifiutato da Hastings. Netflix ha sempre affermato che i suoi spettatori preferivano il suo servizio alla TV via cavo perché non c’erano pubblicità. Hastings, inoltre, non voleva competere con Google e Facebook nella vendita di annunci online. Eppure alla fine ha ceduto.

‘Ha senso’

“Consentire ai consumatori che vorrebbero avere un prezzo più basso e sono tolleranti alla pubblicità ha molto senso”, ha detto Hastings martedì. Netflix esplorerà il modo migliore per offrire pubblicità nei prossimi due anni.

La repressione della condivisione delle password è un rischio per un’azienda che ha iniziato offrendo ai clienti un’alternativa più conveniente e conveniente al cavo. Spingendo i clienti a pagare e inserendo pubblicità, Netflix inizia ad assomigliare a ciò che ha sostituito.

Ma l’azienda ha bisogno di aiuto dopo aver perso clienti in tre delle sue quattro regioni nel primo trimestre, di cui oltre 600.000 negli Stati Uniti e in Canada. Netflix ha attribuito la maggior parte di ciò a un aumento dei prezzi e ha affermato che il calo era previsto. L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia è costata alla società altri 700.000 clienti quando ha dovuto interrompere il servizio in Russia, provocando una perdita di 300.000 clienti in Europa, Medio Oriente e Africa.

Nel complesso, Netflix aveva previsto che gli abbonati sarebbero cresciuti di 2,5 milioni nel primo trimestre, più o meno in linea con le stime di Wall Street. Per il periodo corrente, gli analisti prevedevano guadagni di 2,43 milioni. I ricavi del primo trimestre sono cresciuti del 9,8% a 7,87 miliardi di dollari, mancando le stime degli analisti. Il profitto, a $ 3,53 per azione, ha superato facilmente le proiezioni di $ 2,91.

Nessuna spiegazione

“Non sono mai stati in grado di spiegare perché o come la crescita stesse rallentando”, ha detto Nathanson. “Ora hanno deciso che la crescita sta rallentando. Come è cambiato questo in due trimestri?”

L’Asia era l’unico punto luminoso. Netflix ha aggiunto più di 1 milione di clienti nella regione, sostenuta da nuovi titoli popolari come il dramma sudcoreano “All of Us Are Dead”.

Netflix rimane molto più avanti della maggior parte dei suoi concorrenti al di fuori degli Stati Uniti ed è il più grande servizio di streaming al mondo. L’azienda crede di poter uscire dalla situazione attuale attirando nuovi clienti con programmi migliori e trovando più modi per caricare la sua base di utenti esistente. La società prevede ancora di aggiungere clienti quest’anno e avrà una lista più ampia di nuovi spettacoli nella seconda metà dell’anno.

Finita la pacchia?

Dopo il grande incremento di abbonati dovuto alla pandemia da Covid-19, il gigante del cinema in streaming ha perso via via terreno. Nonostante gli ingenti guadagni, l’azienda ha messo i bastoni tra le ruote agli utenti che condividevano le password ed ora il tracollo. Come si suol dire, “chi la fa, l’aspetti!” 😉

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Fai parte di coloro che hanno abbandonato Netflix? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 9 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: