Google accusato di aver installato app spia senza il consenso

Condividi l'articolo

Il gigante tecnologico Google deve affrontare un’azione legale dopo che un milione di residenti del Massachusetts ha scoperto che un’applicazione per il rilevamento dei contatti del COVID-19 è stata installata sui loro smartphone senza il loro consenso.

Un’azione legale collettiva è stata depositata presso la Corte distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto del Massachusetts il 14 novembre dal gruppo no-profit per i diritti civili New Civil Liberties Alliance (NCLA) per conto dei querelanti Robert Wright e Johnny Kula. La denuncia citava come imputati il Dipartimento di sanità pubblica del Massachusetts (DPH) e il suo commissario Margret Cooke.

La causa accusava il DPH e la Cooke di aver violato il Quarto e il Quinto Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti e gli Articoli X e XIV della Dichiarazione dei Diritti del Massachusetts conducendo una sorveglianza segreta di massa attraverso l’applicazione “COVID spyware”.

Leggi anche:

Dal luglio 2021, l’azienda di Big Tech e il dipartimento sanitario del Bay State hanno installato l’applicazione su più di un milione di telefoni senza informare gli utenti o chiedere il loro consenso. L’applicazione ha anche tracciato e registrato i movimenti dei proprietari dei telefoni e i loro contatti “senza il loro permesso o consapevolezza”. Questo metodo di tracciamento e sorveglianza senza mandato da parte di un’agenzia sanitaria statale viola il diritto alla privacy e alla proprietà, si legge nella causa.

Inoltre, secondo la causa, gli utenti potevano scoprire l’applicazione solo accedendo alle impostazioni del proprio dispositivo e visualizzando tutte le app. Qualsiasi tentativo di rimuovere l’applicazione di tracciamento COVID-19 installata illegalmente sarebbe vano, poiché il DPH “semplicemente la reinstallerebbe” sul telefono dell’utente.

Inizialmente, il DPH ha proposto l’applicazione ai residenti del Massachusetts, ma solo “pochi” hanno deciso di installarla volontariamente dopo averne appreso la natura. Questo ha portato il DPH e Google a installare segretamente l’applicazione sugli smartphone di oltre un milione di persone.

L’NCLA denuncia l’applicazione COVID illegale e la violazione della privacy

In un comunicato, l’NCLA ha sottolineato l’importanza di ottenere il consenso degli utenti quando si installano tali applicazioni di tracciamento.

Il consulente legale dell’NCLA Sheng Li ha aggiunto che le app COVID-19 dovrebbero essere installate solo volontariamente, spiegando che l’opzione di rifiutare è “necessaria in una società libera”.

Nel frattempo, Peggy Little, Senior Litigation Counsel dell’NCLA, ha commentato che il DPH è legalmente obbligato a sostenere i diritti dei cittadini dalle carte federali e statali. L’avvocato ha inoltre definito l’applicazione dell’agenzia sanitaria statale un “attacco Android” intenzionalmente progettato per violare i diritti, le libertà e la privacy dei cittadini e renderli suscettibili di invasione da parte del governo.

“Nessuna legge o regolamento autorizza il DPH a installare segretamente qualsiasi tipo di software – tanto meno quello che equivale a uno spyware progettato specificamente per ottenere informazioni private sulla posizione e sulla salute – sui dispositivi Android dei residenti del Massachusetts”.

Nel frattempo, il Massachusetts ha ridimensionato i suoi sforzi di tracciamento dei contatti COVID-19 nel dicembre 2021.

Secondo quanto riferito, lo Stato non impiega più personale per aiutare a tracciare le nuove infezioni. Invece, ai dipartimenti sanitari locali è stato consigliato di condurre la ricerca dei contatti in “ambienti di gruppo in cui è più probabile che le infezioni si diffondano rapidamente”, come le strutture sanitarie, i rifugi per i senzatetto, le case di cura, gli asili nido e le scuole.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questa ennesima accusa di violazione della privacy rivolta a Google? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x