Quantcast
News

Google comincia a implementare Fuchsia OS su Nest Hub

Condividi l'articolo

Dopo anni di speculazioni al riguardo, il nuovo sistema operativo Fuchsia OS di Google verrà ora implementato su Nest Hub. In effetti, è stato riconosciuto come in fase di sviluppo per un po ‘di tempo e nel 2019 è stato persino lanciato un sito per sviluppatori.

Il gigante della ricerca sta lanciando un aggiornamento al suo Nest Hub 2018. Tra le modifiche, il sistema operativo Fuchsia sostituirà il sistema operativo Cast esistente sul dispositivo. Secondo Google, l’aggiornamento avverrà nei prossimi mesi ma non ci sarà alcun cambiamento nell’esperienza del proprietario di Nest Hub.

Fuchsia debutta sui dispositivi

Ora, il sistema operativo di Google funziona sui dispositivi Made by Google, ovvero Nest Hub. Questo aggiornamento non modifica alcuna funzionalità di questo dispositivo.

Tuttavia, a livello di case, il display intelligente sfrutta il sistema operativo Fuchsia invece del “sistema operativo Cast” basato su Linux utilizzato in precedenza. Infatti l’esperienza d’uso fornita da quest’ultimo si rivelerà sostanzialmente identica alla precedente.

Leggi anche:

Inoltre, questo risultato è dovuto al fatto che il design dello schermo intelligente di Google incorpora il sistema Flutter. Tuttavia, questo sistema mira a rendere le applicazioni sistematicamente disponibili su diverse piattaforme, inclusa Fuchsia.

Alla conferenza I/O, Hiroshi Lockheimer ha descritto Fuchsia come uno degli esperimenti di Google sui nuovi concetti di sistema operativo. Tuttavia, l’azienda di Mountain View rimane vaga sui suoi piani per questo sistema. Tuttavia, molti credono che sia destinato ad alimentare i dispositivi IoT, in particolare quelli nella casa intelligente.

Uno dei sistemi operativi con diversi punti di forza e specializzazioni

A differenza di Android, Fuchsia è stato sviluppato da Google e non è basato su Linux. Tuttavia, può eseguire app Android, il che semplifica la transizione a questo sistema operativo. Non importa se è Android o Chrome OS. Infatti, Fuchsia OS si basa sul nucleo Zircon precedentemente chiamato Magenta.

L’utilizzo di Zircon ha portato molti utenti a credere che si tratti di un sistema operativo progettato principalmente per dispositivi IoT. 

Inoltre, Zircon costituisce un kernel di trasferimento dei messaggi e la sua base di codice deriva da Little Kernel (LK) . Quest’ultimo infatti sviluppa un nodo funzionale in tempo reale per i dispositivi integrati. Mira a un consumo minimo di risorse in modo che possa essere utilizzato per un’ampia gamma di dispositivi.

L’aggiornamento Fuchsia per Nest Hub è previsto per i prossimi mesi, a partire dal programma di anteprima.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Ti piacerebbe poter testare il nuovo sistema operativo di casa Google? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@libero.it.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 20 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x