Il CEO di Parler Matze “si nasconde per minacce di morte”

Condividi l'articolo
Nato come alternativa indipendente a Twitter e divenuto celebre grazie a Trump, il social network Parler è stato spazzato via dai server Amazon e ora il CEO è stato costretto a nascondersi in seguito a ripetute minacce di morte mentre cerca di sigillare le informazioni dei dipendenti nella battaglia giudiziaria con Amazon

Secondo quanto riferito, l’amministratore delegato del socal network per la libertà di parola Parler è fuggito da casa con la famiglia, a causa di minacce di morte in quello che i suoi avvocati chiamano uno sforzo di “diffamazione” da parte di Amazon.

Il gigante dell’e-commerce ha accusato la piattaforma di consentire contenuti violenti prima di rilasciarli.

In una dichiarazione in tribunale venerdì, Parler, coinvolto in una battaglia legale con Amazon per la sua decisione di interrompere bruscamente il suo rapporto con la piattaforma, ha chiesto protezione della privacy per i suoi dipendenti, sostenendo che sono stati esposti ad abusi e un torrente di minacce a causa delle accuse molto pubblicizzate di Amazon contro la società.

Articoli correlati:

La mozione cita la dichiarazione dell’amministratore delegato di Parler John Matze secondo cui “molti dipendenti di Parler stanno subendo molestie e ostilità, paura per la loro sicurezza e quella delle loro famiglie, e in alcuni casi sono fuggiti dal loro stato d’origine per sfuggire alla persecuzione”.

Matze, che ha recentemente ammesso che Parler potrebbe condurre una battaglia persa nel tentativo di tornare online, non ha fatto eccezione e ha dovuto fuggire temendo per il benessere suo e della sua famiglia, secondo il documento.

Lo stesso Matze, come l’amministratore delegato dell’azienda AWS continua a diffamare, ha dovuto lasciare la sua casa e nascondersi con la sua famiglia dopo aver ricevuto minacce di morte e violazioni invasive della sicurezza personale.

Citando “la natura altamente carica di questa controversia pubblica e polarizzante” con Amazon, Parler ha chiesto al tribunale di sigillare le informazioni personali dei dipendenti, la corrispondenza dell’azienda con Amazon, nonché uno “screenshot di un tweet dall’account di Ashli ​​Babbitt”.

Babbitt, un veterano dell’aeronautica militare, è stato ucciso dalla polizia del Campidoglio degli Stati Uniti quando una folla pro-Trump ha preso d’assalto il Congresso mentre si riuniva per certificare la vittoria del presidente eletto Joe Biden il 6 gennaio. La rivolta, di cui i democratici e parte dell’establishment repubblicano hanno incolpato La retorica post-elettorale di Trump ha provocato la morte di cinque persone.

Lunedì, Matze ha detto a Tucker Carlson di Fox News che aveva paura di tornare a casa a causa della valanga di minacce da cui è stato bombardato in seguito agli eventi del 6 gennaio e dopo che Amazon ha sostenuto che la sua azienda non è riuscita a frenare l’incitamento all’odio sulla piattaforma.

In precedenti atti giudiziari, Parler ha sostenuto che mentre la società ha dovuto affrontare un enorme arretrato di 26.000 post che aspettavano di essere moderati poco prima che Amazon interrompesse i legami con il sito, ciò era dovuto a un afflusso di utenti in fuga da Twitter e Facebook sulla scia dei divieti dei social media di Trump (vedi articolo). Parler ha insistito sul fatto di aver risolto il backlog nei giornisuccessivi, rimuovendo “tutti tranne circa 1.000 post problematici” entro domenica, ma ciò non ha impedito ad Amazon di terminare il servizio quel giorno stesso a mezzanotte in punto (vedi articolo).

Solo qualche giorno fa John Matze aveva annunciato ad una nuova riapertura di Parler sui server di Epik, un servizio hosting su cui si appoggia l’alto social network Gab (vedi articolo) ma dopo queste ripetute minacce, questa ipotesi sembra del tutto tramontata.

In quanto amante della libertà di espressione, non mi resta che incrociare le dita 🤞.

Fonte

Esprimi il tuo parere!

Come pensi che andrà a finire questa vicenda? Parler riuscirà a riaprire o è destinato a restare ciuso per sempre? Fammi sapere che ne pensi lasciando un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso.

Per altre domande, informazioni o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x