Il Cyber Polygon può generare una crisi molto più grave del Covid

Condividi l'articolo

Il Cyber Polygon può portare il mondo verso il Grande Reset

Dall’Evento 201 al Cyber ​​Polygon: il WEF sta modellando l’imminente Cyber ​​Pandemic.

L’8 luglio 2020, il WEF (World Economic Forum), insieme al governo russo e alle banche globali, ha condotto una simulazione di un attacco informatico su larga scala rivolto al settore finanziario. È stato simulato un vero e proprio evento che potrebbe aprire la strada ad un “azzeramento” dell’economia globale. La simulazione, soprannominata Cyber ​​​​Polygon, potrebbe essere stata più di una normale pianificazione e ha una somiglianza con l’Evento 201, l’evento di simulazione della pandemia sponsorizzato dal WEF che ha preceduto la crisi del COVID-19.

Nel 2020, Cyber ​​Polygon è stato visto online da 5 milioni di persone provenienti da 57 paesi. All’evento hanno partecipato i principali leader ed esperti mondiali, tra cui il Primo Ministro della Federazione Russa Mikhail Mishustin, fondatore e presidente del World Economic Forum Klaus Schwab, alti funzionari di Interpol, ICANN, Visa, IBM, Sberbank, MTS e altre organizzazioni.

Leggi anche:

Alla formazione tecnica hanno preso parte squadre di 120 organizzazioni provenienti da 29 paesi del mondo. Tra loro c’erano rappresentanti di istituzioni finanziarie, agenzie governative e forze dell’ordine, organizzazioni nei settori dell’informatica, dell’istruzione, della medicina, delle telecomunicazioni, dell’energia, della metallurgia, dell’industria chimica, dei razzi e di altri settori.

Mercoledì 2 febbraio 2021, VEF, insieme alla russa Sberbank e alla sua controllata di sicurezza informatica BI.ZONE, ha annunciato che il 9 luglio 2021 sarebbe stata effettuata una nuova simulazione di attacco informatico globale:

“L’obiettivo principale di Cyber ​​Polygon è migliorare la sicurezza informatica a tutti i livelli. Tradizionalmente, avrà due binari paralleli: una conferenza online per il grande pubblico e una formazione pratica per i professionisti della sicurezza.”
“La conferenza riunirà relatori per discutere i principali rischi associati alla digitalizzazione e scambiare le migliori pratiche nello sviluppo di ecosistemi sicuri. I partecipanti alla formazione tecnica eserciteranno le loro abilità nel contrastare attacchi mirati alla catena di approvvigionamento.”

Il messaggio chiave, espresso dagli esperti del WEF e di altre piattaforme internazionali, è che la sicurezza della catena di approvvigionamento dovrebbe diventare un serio problema di sicurezza informatica nel 2021. La digitalizzazione in continua espansione sta rafforzando l’interconnessione tra persone, dispositivi, aziende e paesi. Pertanto, la stabilità dell’intero sistema dipende dalla capacità di ciascun anello della catena di resistere a minacce di diverso livello.

Sul sito Web recentemente rinnovato dell’evento, la simulazione, intitolata “Cyber ​​​​Polygon 2021”, avverte minacciosamente che, date le tendenze digitali in gran parte guidate dalla crisi COVID-19:

“Un collegamento vulnerabile è sufficiente per far crollare l’intero sistema come un effetto domino”, aggiungendo che “un approccio sicuro allo sviluppo digitale di oggi determinerà il futuro dell’umanità per i decenni a venire” .

L’esercizio arriva pochi mesi dopo che il WEF, una “organizzazione di partenariato pubblico-privato internazionale” che conta tra i suoi membri l’élite più ricca del mondo, ha annunciato ufficialmente il suo movimento verso il “Grande Reset“, che include una transizione coordinata alla “Quarta Rivoluzione industriale” dell’economia globale in cui i lavoratori umani stanno diventando sempre più irrilevanti. Questa rivoluzione, in precedenza, rappresentava una seria sfida per i membri del WEF e le organizzazioni membri in termini di ciò che accadrà alle masse di persone che sono rimaste senza lavoro a causa della crescente automazione e digitalizzazione dei posti di lavoro.

Leggi anche:

Le nuove economie digitali in partnership o gestite dalle banche centrali sono una parte fondamentale del Great Reset del WEF. Tali sistemi saranno parte della risposta alla questione del controllo delle masse dei nuovi disoccupati. 

Questi monopoli digitali, non solo i servizi finanziari, consentiranno a chi li controlla di “scollegare” una persona dal denaro e dall’accesso ai servizi se quella persona non rispetta determinate leggi, regolamenti e normative. Un primo esempio di ciò è la Cina con il suo sistema di “classificazione sociale”.

Il WEF promuove e costruisce attivamente tali sistemi e di recente si è riferito al suo modello preferito come “capitalismo delle parti interessate”. Sebbene pubblicizzato come una forma più “inclusiva” di capitalismo, il “capitalismo delle parti interessate” fonderebbe essenzialmente i settori pubblico e privato, creando un sistema molto più simile allo stile corporativo del fascismo di Mussolini.

Tuttavia, per introdurre questo sistema nuovo e radicalmente diverso, l’attuale sistema corrotto deve in qualche modo crollare completamente e il suo sostituto deve essere venduto con successo alle masse come qualcosa di meglio del suo predecessore. Quando le persone più influenti del mondo, come i membri del WEF, vogliono un cambiamento radicale, sorgono convenientemente crisi – che si tratti di guerra, peste o collasso economico – che consentono di “ripristinare il sistema”, spesso accompagnato da un massiccio spostamento di ricchezza verso l’alto nelle mani di una già non povera “Elite”.

Negli ultimi decenni, tali eventi sono stati spesso preceduti da simulazioni che sono state effettuate in modo intensivo e rapido anche prima che si verificasse lo stesso evento che avrebbero dovuto “prevenire”. Esempi recenti includono le elezioni statunitensi del 2020 e il COVID-19. Uno di questi, l’Evento 201, è stato organizzato dal WEF nell’ottobre 2019 e ha imitato la nuova pandemia di coronavirus che si sta diffondendo in tutto il mondo e causa gravi sconvolgimenti nell’economia globale, poche settimane prima della comparsa del primo caso di COVID-19. 

Cyber ​​Polygon 2021 è solo l’ultima simulazione di questo tipo sponsorizzata dal World Economic Forum. L’attuale agenda del forum e la sua passata esperienza di conduzione di simulazioni “profetiche” richiedono un attento studio di questo evento.

Leggi anche:

Mentre Cyber ​​​​Polygon 2021 è a pochi mesi di distanza, è stato preceduto da Cyber ​​​​Polygon 2020, una simulazione simile sponsorizzata dal WEF che ha avuto luogo lo scorso luglio, dove i relatori hanno avvertito di un’imminente “pandemia” mortale di attacchi informatici che per lo più mirare a due settori dell’economia: salute e finanza

Cyber ​​Polygon 2020 è stato formalmente descritto come “l’apprendimento online internazionale per migliorare la resilienza informatica globale”. Vi hanno partecipato molte delle più grandi aziende tecnologiche del mondo e autorità internazionali, da IBM a Interpol. C’erano anche molti partecipanti straordinari all’evento, alcuni dei quali tradizionalmente contraddicevano gli interessi imperiali occidentali. 

Ad esempio, la persona scelta per aprire l’evento Cyber ​​Polygon 2020, era il Primo Ministro della Federazione Russa Mikhail Mishustin, e il suo principale organizzatore era BI.ZONE, una sussidiaria di Sberbank controllata dal governo russo. Ciò suggerisce che il tema frequentemente usato dell'”hacker russo” sta volgendo al termine o sarà presto sostituito da un altro uomo nero più appropriato alla luce delle attuali realtà politiche.

Oltre a Mishustin, all’evento Cyber ​​Polygon 2020 hanno preso parte il direttore esecutivo del WEF Klaus Schwab e l’ex primo ministro britannico Tony Blair. Questo evento dovrebbe essere ripetuto ogni anno ed è molto simile all’Evento 201 del 2019. Piuttosto che prepararsi per una potenziale pandemia medica, Cyber ​​​​Polygon 2020 si concentra sulla preparazione per una “pandemia informatica”, che i media mainstream come il New Yorker affermano “è già iniziata”. Data la recente modellazione del WEF, potenti imprenditori e banchieri miliardari sembrano disposti a utilizzare sia le pandemie fisiche che quelle digitali per riformare le nostre società secondo i propri programmi e interessi.

Guarda il video:

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Credi che il Cyber Polygon possa favorire il Great Reset e portare l’umanità verso una crisi economica senza precedenti? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].


Condividi l'articolo



Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi l'articolo

Stai visitando il sito con Adblock In questo modo rendi inutile il mio lavoro. Se ci tieni al nostro futuro, per favore disabilita Adblock!
You are visiting the site with Adblock (This will make my work useless). If you care about our future, please disable Adblock!

Clicca con il tasto destro del mouse sull’icona Adblock del tuo browser

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1a.jpeg

Clicca su Sospendi su questo sito

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2a.jpeg

Ora l’icona di Adblock ora è diventata verde.

Aggiornando la pagina ora potrai navigare liberamente su guruhitech.com. Grazie! 😀


Condividi l'articolo
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x