Il momento è arrivato: anche Telegram comincia a censurare

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
Lo abbiamo anticipato in tanti e come previsto ci abbiamo preso: anche su Telegram cala l’ombra della censura che elimina i post dei canali scomodi al regime. La motivazione è sempre la stessa: “istigazione alla violenza”.

Il motore che ha smosso le acque è stato il presidente, ops… l’ex presidente degli Stati Uniti Trump che come ormai saprai, è stato vittima di una censura spietata da parte di tutte le più comuni piattaforme social. Recentemente Facebook ed Instagram hanno riattivato i suoi account ma da allora, moltissimi canali e siti di informazione indipendente hanno subito lo stesso trattamento.

Leggi anche:

Dopo la censura spietata di Facebook, Google, Twitter , YouTube e la chiusura forzata di Parler, anche Telegram si vede “costretto” ad adottare questo mezzo ammazza-libertà. Se non si adegua alle regole, molto probabilmente verrebbe bannato dagli store Apple e Google, proprio come accaduto a Parler (vedi articoli).

Articoli correlati: 

Si parla molto di censura in questo periodo e il fenomeno ormai non mi sconvolge più, ma da Telegram mi sarei aspettata una resistenza maggiore dato che il proprietario Pavel Durov è un tipo che non manifesta tanta paura verso i consore del web. 

In reatà, per evitare problemi di esclusione dagli store Android ed iPhone, Telegram ha “appesantito” il sistema delle segnalazioni, in modo che, dopo un certo numero di feedback negativi, il post o il canale segnalato venga “punito”. 

“Fortunatamente” la censura per adesso riguarda solo i singoli post che vengono eliminati lasciando ancora attivi i canali. E proprio da uno dei tanti canali di informazione libera che seguo costantemente, ho apreso la notizia che da qualche settimana alcuni post vengono contrassegnati con il seguente messaggio:

This message couldn’t be displayed on your device because it violates the Telegram Terms of service.

Che tradotto sarebbe, “Questo messaggio non può essere visualizzato sul tuo dispositivo perché vìola i Termini di servizio di Telegram”.

Telegram difficilmente verrà eliminato dagli Store e senza dubbio no potrà mai esser buttato giù in quanto il proprietario ha da tempo provveduto ad affidarsi ad un servizio hosting sicuro, non come quello di Amazon che ha sbattuto via Parler. Lo stesso Parler tuttavia, il social network nato come alternativa libera a Twitter, dovrebbe tornare online alla fine di questo mese (vedi articolo). 

Non ci resta che incroviare le dita e sperare che le cose migliorino al più presto 🤞.

Articoli correlati: 

Fonte

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questa censura incredibile? Credi che Telegram possa subire ulteriori limitazioni? Fammi sapere che ne pensi lasciando un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Stai visitando il sito con Adblock In questo modo rendi inutile il mio lavoro. Se ci tieni al nostro futuro, per favore disabilita Adblock!
You are visiting the site with Adblock (This will make my work useless). If you care about our future, please disable Adblock!

Clicca con il tasto destro del mouse sull’icona di uno di questi Adblock del tuo browser…

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è adb-2.jpeg

…e disabilitalo come da esempio:

Aggiornando la pagina ora potrai navigare liberamente su guruhitech.com. Grazie! 🙂

0
Would love your thoughts, please comment.x