Il WEF chiede la fine della proprietà di auto private

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

“Non possiederai nulla e sarai felice…”

Il World Economic Forum (WEF) chiede la fine della proprietà di auto private nel nome di salvare il mondo dai cambiamenti climatici riducendo la necessità di risorse tecnologiche verdi.

“Abbiamo bisogno di una rivoluzione energetica pulita, e ne abbiamo bisogno ora”, il WEF inizia il suo articolo.

Secondo il WEF, i metalli critici, come il cobalto, il litio e il nichel, tutti utilizzati nelle “tecnologie per l’energia pulita”, scarseggiano. E mentre il WEF afferma che il riciclaggio della vecchia tecnologia che utilizza questi metalli potrebbe ridurre l’impatto delle carenze, semplicemente non è sufficiente.

“La complicazione è che attualmente non abbiamo abbastanza metalli in circolazione e, anche tenendo conto del riciclaggio, si prevede che la produzione di minerali aumenterà ancora di quasi il 500% . Allora come dobbiamo procedere?” chiede il WEF.

In cima all’elenco delle soluzioni su come il WEF pensa che dovremmo procedere è “Passare dal possedere all’usare”.

Suona familiare?

Nel 2018 il WEF ha fatto previsioni per il 2030:

“Non possiederai niente e sarai felice”
“La carne sarà una delizia speciale”

Questo il post del WEF condiviso anche su Twitter:

Leggi anche:

“Sii onesto”, continua il WEF, “probabilmente hai almeno un vecchio telefono cellulare nascosto in fondo a un cassetto. Forse anche un disco rigido inutilizzato che occupa spazio. Non sei solo. L’auto o il furgone medio in Inghilterra viene guidato solo il 4% delle volte… Questo non è affatto efficiente in termini di risorse. Una maggiore condivisione può ridurre la proprietà delle apparecchiature inattive e quindi l’utilizzo dei materiali. Car sharing come Getaround e BlueSG hanno già colto questa opportunità per offrire veicoli dove si paga per ora di utilizzo”.

Il WEF aggiunge che le persone non dovrebbero solo rinunciare alla proprietà di tutto, dalle auto agli smartphone, ma che le tecnologie e la civiltà devono essere riprogettate per facilitare questa transizione.

“Per consentire una transizione più ampia dalla proprietà all’utenza, anche il modo in cui progettiamo le cose e i sistemi deve cambiare… Un processo di progettazione che si concentra sul soddisfare l’esigenza sottostante invece di progettare per l’acquisto del prodotto è fondamentale per questa transizione. Questa è la mentalità necessaria per riprogettare le città per ridurre i veicoli privati ​​e altri usi”.

Naturalmente, il passaggio da persone che possiedono cose a essenzialmente solo affittarle non sarà facile. Il WEF lo riconosce, ma dice che ne vale assolutamente la pena. Basta fidarsi di loro…

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Condividi questa visione del World Economic Forum? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Adblock Detected

Usi Adblock? E io come faccio a campare? 😥 Per favore, disabilitalo per questo sito! 🙏

Refresh Page
0
Would love your thoughts, please comment.x