L’auto volante californiana attira i primi investitori di Tesla

Condividi l'articolo
Vista dell’Alef Model A in questa foto non datata rilasciata a Reuters il 17 ottobre 2022. Fonte: REUTERS

L’idea di un’auto volante non è nuova: per decenni gli inventori hanno cercato di aggiungere le ali ai veicoli a motore su ruote, con un successo limitato.

Jim Dukhovny, fondatore di Alef Aeronautics, spera di cambiare questa equazione. La sua azienda californiana ha proposto un approccio innovativo per portare in cielo i veicoli terrestri e ha attirato almeno un importante venture capitalist.

Il Model A di Alef, che è appena uscito da un periodo di gestazione di sette anni, non assomiglia tanto alle auto volanti dei vecchi film quanto al taxi volante di Bruce Willis nel film “Il quinto elemento” del 1997.

L’aspetto insolito – caratterizzato da una carrozzeria che si ribalta su un fianco per diventare un’ala dopo il decollo – è solo uno degli aspetti che hanno attratto Tim Draper, uno dei primi investitori di Tesla Inc e SpaceX di Elon Musk, il cui Draper Associates Fund V ha sostenuto Alef con 3 milioni di dollari di capitale iniziale.

Dopo che Draper ha effettuato un modesto investimento iniziale, “ho investito altri soldi quando ho visto che avevano creato un piccolo prototipo di drone che faceva esattamente quello che mi avevano detto che avrebbe fatto”, ha dichiarato in un’e-mail. “Il design è straordinario. I lati della macchina diventano le ali quando l’aereo si mette in orizzontale”.

Leggi anche:

Con sede a Santa Clara, nel cuore della Silicon Valley, Alef ha progettato la Model A – un’auto elettrica dall’aspetto slanciato ma relativamente convenzionale – con la capacità di decollare e atterrare in verticale. E, naturalmente, di volare.

Dukhovny, che è l’amministratore delegato di Alef, non ha mai costruito un’auto fino ad ora. È un informatico, progettista di software, appassionato di fantascienza e imprenditore seriale che in passato ha gestito un sito di giochi online chiamato Intellectual Casino.

In un’intervista, ha dichiarato che la Model A costruita a mano sarà venduta a 300.000 dollari, con produzione e consegne iniziali previste per il 2025. Questo prezzo, tra l’altro, è lo stesso prezzo di partenza previsto per l’ammiraglia elettrica del marchio Cadillac, la Celestiq, che dovrebbe iniziare ad arrivare ai clienti all’inizio del 2024, secondo la casa madre di Cadillac, General Motors Co.

Una caratteristica che distingue la Model A dalle precedenti versioni di auto volanti è il modo in cui vola. Una volta sollevata da terra, l’abitacolo si gira e la carrozzeria in fibra di carbonio si capovolge su un fianco, per poi muoversi in avanti, spinta da una serie di eliche. La maggior parte dei recenti tentativi dei concorrenti assomiglia a droni giganti e non è in grado di spostarsi a terra con le ruote.

“L’intera auto è un’ala”, ha detto Dukhovny.

Alef stima un’autonomia di guida di 200 miglia (322 km) e un’autonomia di volo di 100 miglia.

Dukhovny ha un asso nella manica ancora più grande per il 2030: una proposta di berlina Model Z, con un’autonomia di volo di 200 miglia e un’autonomia di guida di 400 miglia – e un prezzo previsto di 35.000 dollari.

“Non è più complicato di una Toyota Corolla”, ha detto. “Il nostro obiettivo è fare in modo che abbia lo stesso prezzo”.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Ti piacerebbe fare un giretto su questa auto volante? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: