News

Possono rubare i tuoi dati biometrici tramite la realtà mista

Condividi l'articolo

Attualmente, la tecnologia della realtà virtuale e aumentata si trova di fronte a diverse sfide in termini di sicurezza. I sistemi di realtà virtuale e le relative tecnologie offrono vari vantaggi, ma il loro utilizzo comporta anche sfide in termini di sicurezza.

Un aspetto fondamentale delle preoccupazioni sulla privacy in queste tecnologie è legato alla natura estremamente confidenziale dei dati raccolti, che includono informazioni biometriche come scansioni dell’iride o della retina, impronte digitali e palmari, geometria del viso e caratteristiche vocali. Tutti questi dati sono significativamente più sensibili rispetto ai dati raccolti dalle attuali piattaforme di massa, come i social media, e altre forme di tecnologia.

Le minacce alla sicurezza nella realtà virtuale e aumentata sono numerose e non sono ancora state studiate approfonditamente a causa del poco tempo trascorso dalla diffusione della tecnologia. Pericoli come il furto delle credenziali, gli attacchi intermediari, gli attacchi di negazione del servizio e altri sono una preoccupazione costante.

Leggi anche:

Eset, un’azienda specializzata in software per la sicurezza informatica, ha identificato alcune minacce alla sicurezza nella realtà virtuale e aumentata. Ad esempio, i criminali possono rubare le credenziali di rete dai dispositivi portatili utilizzati per accedere alla realtà virtuale. Inoltre, gli aggressori possono intercettare le comunicazioni tra il browser di realtà aumentata e il fornitore di questa tecnologia, consentendo loro di accedere a informazioni estremamente sensibili.

Un altro potenziale attacco è la negazione del servizio, che può essere preoccupante se coinvolge professionisti che utilizzano la tecnologia per svolgere compiti in situazioni critiche. Ad esempio, un chirurgo potrebbe perdere l’accesso a informazioni vitali in tempo reale sui suoi occhiali per la realtà virtuale, o un conducente potrebbe improvvisamente non vedere la strada perché il parabrezza con realtà virtuale diventa uno schermo nero.

Per proteggere la rete della realtà virtuale da attacchi informatici e garantire l’integrità dei dati trasmessi, è possibile utilizzare un sistema VPN (Virtual Private Network) che aiuti a proteggere i dati, l’identità e la privacy online, prevenendo la compromissione delle informazioni.

In sintesi, i sistemi di realtà virtuale e aumentata offrono diversi vantaggi, ma rappresentano anche sfide in termini di sicurezza. È importante essere consapevoli delle potenziali minacce e adottare misure per proteggere la privacy e la sicurezza dei dati.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Ti ha sorpreso questa notizia? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 53 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: