Siamo vicini alla produzione industriale di esseri umani

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
1
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0

Se più che un film, Matrix fosse un documentario?

Nel mezzo dei dibattiti furiosi su crash e sovrappopolazione negli anni ’80, l’economista Julian Simon divenne famoso per l’idea che l’ultima risorsa non fosse né petrolio, né uranio, né acqua: l’ultima risorsa dell’umanità era l’immaginazione. Per il pensatore nordamericano ogni persona nata era più di una bocca da sfamare, era soprattutto una mente con cui generare idee e risolvere problemi.

Ora che sempre più esperti sono convinti che la crescita della popolazione mondiale stia per crollare (chissà perché…), l’idea che abbiamo bisogno di più esseri umani diventa più che mai attuale. Soprattutto perché la possibilità di concepire l’uomo su scala industriale è più vicina che mai.

Dalla macchina che fa l’uomo…

Dal film Matrix – Umani surrogati

Passerà un secolo da quando JBS Haldane, uno dei più importanti genetisti inglesi della storia, coniò il termine ‘ectogenesi’ per riferirsi alle gravidanze che avrebbero avuto luogo in questi grembi artificiali. Fu proprio allora che Haldane predisse che, entro il 2074, meno del 30% delle gravidanze sarebbe stato “naturale”. Siamo lontani, sì; ma ogni giorno più vicino (e mancano ancora 50 anni).

Attualmente, la linea di sopravvivenza dei feti umani è intorno alla 22a e 23a settimana di gravidanza. Quello è il momento in cui i polmoni si sviluppano e, ancora oggi, rimane un punto critico. Le cifre parlano da sole: mentre solo il 20% dei nati a 23 settimane sopravvive, quella cifra sale all’80% quando si parla di nati a 25 settimane.

Leggi anche:

È un punto critico, tra l’altro, a causa delle complicazioni tecniche intrinseche: come ha spiegato Matt Kent, cose basilari come pompare sangue a feti molto immaturi sono un problema tecnologico di primo livello, è necessaria una pressione che i tessuti non possono sopportare bene. Migliorare la nostra capacità di ridurre le morti (e le sequele) causate da nascite premature (una gravidanza su dieci negli Stati Uniti oggi) è necessario, ma anche molto difficile.

Dall’altro lato del processo (dallo zigote al feto) ci sono anche delle difficoltà, ma a poco a poco stiamo facendo progressi. Ci sono esempi per tutti i gusti. Solo per recensirne alcuni recenti: il professor Yoshinori Kuwabara e il suo team della Juntendo University in Giappone sono stati in grado di gestare embrioni di capra in una macchina con serbatoi pieni di liquido amniotico; o anche la professoressa Helen Hung-Ching Liu, del Center for Reproductive Medicine della Cornell University, è riuscita a portare a breve termine lo sviluppo di un embrione di topo grazie a un endometrio bioingegnerizzato.

I vantaggi medici sono chiari: questa tecnologia potrebbe aiutare le coppie che lottano per avere figli o aiutare i bambini prematuri a sopravvivere. La gravidanza e il parto sono processi estremamente difficili e molti teorici parlano già della fine della gravidanza naturale come dell'”ultima grande liberazione dell’umanità”. Ma soprattutto potrebbe rappresentare uno dei più grandi progressi sociali, educativi e sanitari degli ultimi decenni.

L'”ectogenesi” può fornire ambienti gestazionali sicuri e sani, lontani da sostanze inquinanti, droghe e alcol. Martha J. Farah, professoressa all’Università della Pennsylvania, ha studiato per molti anni la relazione tra lo sviluppo del cervello e lo stato socioeconomico. La generalizzazione dell’ectogenesi potrebbe eliminare una delle maggiori fonti di disuguaglianza che esista: le condizioni di gravidanza.

…alla fabbrica per creare esseri umani

Kibbutz Gan Shmuel Children’s House (1935-40)

Paradossalmente, questa è tutta la parte facile del “fare esseri umani”Come disse Scott Alexander anni fa, per un numero enorme di problemi contemporanei, “la società è fissa, la biologia è mutevole”. Oppure, portandolo all’argomento dell’articolo, immaginiamo che alla fine abbiamo perfezionato queste tecnologie e sviluppato la capacità di produrre industrialmente esseri umani come un modo per invertire le attuali tendenze demografiche o popolare colonie interplanetarie. Cosa facciamo con centinaia, migliaia o milioni di bambini? Come li educhiamo, come li alleviamo, come li trasformiamo in esseri funzionali?

Qui, onestamente, le incognite sono molto più grandi. E non perché non ci siano precedenti moderni, ma perché quei precedenti hanno fallito. Penso alle famose “case dei bambini” dei kibbutz israeliani. Fino agli anni ’80, il metodo educativo prevalente nelle comunità sioniste collettive prevedeva di lasciare i bambini nei centri comunitari dal momento della nascita. Lì, in quelle “Children’s Houses”, si trattava di implementare il “principio di uguaglianza” di base nel funzionamento del kibbutz.

Leggi anche:

In questo senso, “l’autorità educativa del kibbutz era responsabile dell’educazione e del benessere di tutti i bambini nati in esso, avendo cura del loro cibo, vestiti e cure mediche”. I bambini possono trascorrere due o tre ore al giorno nelle case dei genitori, ma la maggior parte della loro vita è stata trascorsa nella casa dei bambini e nelle aree comuni del kibbutz. Sebbene questo sistema fosse onnipresente fino agli anni ’80, le tendenze “familiari” alla fine lo hanno consegnato al cestino della storia, e oggi è solo un vecchio ricordo. Inoltre, molte persone lo considerano persino ripugnante.

Siamo preparati alla rinascita dei grandi orfanotrofi ottocenteschi? Avremo la capacità di educare e dare opportunità ai milioni di esseri umani che queste fabbriche teoriche potrebbero mettere in strada? La domanda è rilevante perché non è nemmeno chiaro se l’arrivo di questo tipo di tecnologia avrà un impatto significativo sulle tendenze demografiche attuali.

Come ha sottolineato il demografo Lyman Stone, “Il passaggio a tassi di fertilità più bassi potrebbe essere avvenuto nel 1500 o 1300 o 900 o 500 aC; in effetti, probabilmente avvenne in quei periodi in più luoghi, ma poiché non avvenne nello stesso tempo in cui la massiccia crescita economica per migliorare il tenore di vita, migliorare la sopravvivenza dei bambini e compensare le perdite di popolazione dovute al calo della fertilità, non è mai stata sostenuta”.

In altre parole, è un problema molto più profondo (ed è radicato nella cultura, nella produttività e nelle relazioni sociali) che una soluzione tecnologica di questo tipo sia in grado di capovolgerlo. Almeno da sola. Ma se Julian Simon aveva ragione, e il modo migliore per costruire un futuro migliore per noi stessi (sulla Terra o fuori) è avere più menti che pensano insieme, dobbiamo iniziare a pensarci. L’inverno demografico potrebbe essere vicino, ma per vincere la partita dovremo cambiare molte delle cose che costituiscono quella che oggi chiamiamo civiltà.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Pensi anche tu che il mondo sia ormai vicino alla produzione industriale di esseri umani? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
1
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Adblock Detected

Usi Adblock? E io come faccio a campare? 😥 Per favore, disabilitalo per questo sito! 🙏

Refresh Page
0
Would love your thoughts, please comment.x