UFO: la Marina americana si rifiuta di divulgare i video

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

È solo questo il motivo?

La Marina degli Stati Uniti ha rifiutato di rilasciare qualsiasi video aggiuntivo di oggetti volanti non identificati (UFO) o fenomeni aerei non identificati (UAP), sostenendo che ciò avrebbe “danneggiato la sicurezza nazionale”.

La Marina ha respinto questa argomentazione rispondendo a una richiesta del Freedom of Information Act (FOIA) presentata dal sito di trasparenza del governo The Black Vault (TBV). Il sito ha presentato la richiesta FOIA nell’aprile 2020, un giorno dopo che la Marina ha declassificato tre video ripresi dai piloti della Marina. Le tre clip mostravano velivoli high-tech che si muovevano in modi apparentemente inconcepibili.

Attraverso la richiesta FOIA, TBV ha chiesto alla Marina di fornire “qualsiasi e tutti gli altri video collegati a UFO o UAP”. Stava cercando tutti i video “con la designazione di UAP” in base alle richieste precedenti.

La Marina ha rifiutato di soddisfare le richieste. Nella sua risposta ha affermato che tutti i video del governo federale sugli UFO o UAP sono considerati informazioni riservate.

Leggi anche:

Secondo il ramo militare, qualsiasi distribuzione pubblica di nuovi video UFO “danneggerà la sicurezza nazionale in quanto potrebbe fornire agli avversari informazioni preziose sulle operazioni, vulnerabilità e/o capacità del Dipartimento della Difesa (DoD)/Marina”Ha aggiunto: “Nessuna parte dei video può essere separata per il rilascio”.

La risposta della Marina è stata interessante perché le agenzie militari di solito emettono una cosiddetta risposta GLOMAR, il che significa che non confermano né negano l’esistenza di tali documenti e si rifiutano di dire qualcosa di più su di loro. Detto questo, la Marina sta riconoscendo di avere effettivamente più video che rimangono nascosti.

Ha anche fornito una motivazione per il rilascio dei tre precedenti video UFO/UAP menzionati da TBV nella sua richiesta FOIA.

“Mentre tre video UAP sono stati rilasciati in passato, i fatti specifici di quei tre video sono unici in quanto quei video sono stati inizialmente rilasciati tramite canali non ufficiali prima del rilascio ufficiale”, ha affermato la Marina. Le clip sono trapelate al New York Times e a Tom DeLonge, ex cantante della band Blink-182. 

“Questi eventi sono stati ampiamente discussi nel pubblico dominio; infatti, le principali testate giornalistiche hanno condotto speciali su questi eventi. Data la quantità di informazioni di dominio pubblico relative a questi incontri, è stato possibile rilasciare i file senza ulteriori danni alla sicurezza nazionale”.

Il Pentagono ha spesso toccato la questione UFO/UAP

Prima della sua interazione improduttiva con la Marina, TBV ha pubblicato migliaia di pagine di documenti relativi alla questione UFO/UAP. Questi documenti sono stati acquisiti tramite richieste FOIA alla Central Intelligence Agency e ad altre agenzie governative.

Il Dipartimento della Difesa ha parlato spesso di UFO negli ultimi anni, mostrando anche ulteriori clip UFO/UAP ai legislatori all’inizio del 2022. Mentre i militari hanno sicuramente voluto dire al pubblico e al Congresso che gli UFO sono veri e rappresentano una minaccia per il paese, la mossa potrebbe anche implicare che il Pentagono richieda più fondi per scoprire cosa sono e possibilmente proteggere l’America contro di loro.

Nel maggio 2022, il Pentagono  ha condotto la sua prima udienza pubblica sugli UFO dagli anni ’60. Era incentrato su un rapporto del giugno 2021, che rivelava che i piloti della Marina avevano segnalato 144 avvistamenti UAP dal 2004. Gli investigatori che hanno esaminato i rapporti hanno identificato un UAP come “un grande pallone sgonfio”, ma non sono stati in grado di identificare gli altri 143.

Leggi anche:

Secondo il rapporto dell’Office of the Director of National Intelligence e della UAP Task Force del DoD, non c’è dubbio che gli oggetti non identificati siano oggetti reali perché non meno di 80 dei 144 incidenti sono stati controllati da diversi sensori. Tuttavia, non ha scoperto alcuna prova che indichi che gli oggetti sono extraterrestri o provenienti da un nemico straniero

Durante l’udienza del maggio 2022, il vicedirettore dell’intelligence navale Scott Bray ha affermato che il numero di incidenti segnalati è aumentato a quasi 400 dal 2021.

Più recentemente, il Pentagono ha dichiarato che avrebbe cercato finanziamenti federali per aprire un nuovo ufficio che si concentrerà esclusivamente sulla gestione dei rapporti di avvistamenti UFO provenienti dalla Marina, dall’Esercito e dall’Aeronautica.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Qual è la tua opinione sugli UFO e sulle dichiarazioni della MArina americana? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Adblock Detected

Usi Adblock? E io come faccio a campare? 😥 Per favore, disabilitalo per questo sito! 🙏

Refresh Page
0
Would love your thoughts, please comment.x