News

Allarme microplastiche: anche i feti non sono più al sicuro

Condividi l'articolo

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Toxicological Sciences ha scoperto la presenza di microplastiche in tutti i 62 campioni di placenta umana analizzati. Le microplastiche, minuscole particelle che misurano un milionesimo di grammo, sono presenti praticamente in tutto ciò che gli esseri umani consumano, dalle bottiglie d’acqua alla carne e ai cibi a base vegetale e possono entrare nel corpo attraverso il consumo di cibi che sono entrati in contatto con imballaggi alimentari in plastica o attraverso il contatto con prodotti di uso quotidiano che contengono o sono fatti di plastica.

I ricercatori, guidati da Matthew Campen, Ph.D., Professore Regents nel Dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell’Università del New Mexico, in collaborazione con il Baylor College of Medicine e l’Oklahoma State University, hanno trattato chimicamente 62 campioni di placenta per scomporre grassi e proteine, estratto particelle di plastica e le hanno analizzate riscaldandole a 600 gradi Celsius per comprendere i tipi di plastica presenti. Il processo ha rivelato concentrazioni che vanno da 6,5 a 790 microgrammi per grammo di tessuto.

Leggi anche:

Dopo vari processi, i ricercatori hanno scoperto che il 54% di polietilene, lo stesso materiale utilizzato in sacchetti e bottiglie di plastica, è presente nel tessuto placentare. Nel frattempo, il cloruro di polivinile, noto anche come PVC, e il nylon costituiscono circa il 10% ciascuno, mentre il resto consiste in altri nove tipi di plastica.

Campen sostiene che l’aumento del volume di microplastiche nell’ambiente rappresenta potenziali effetti sulla salute. Ha affermato: “La dose fa il veleno. Se la dose continua ad aumentare, iniziamo a preoccuparci. Se stiamo osservando effetti sulle placente, allora potrebbe essere influenzata tutta la vita dei mammiferi su questo pianeta. Questo non è buono”.

La concentrazione di microplastiche nelle placente è particolarmente preoccupante, secondo Campen, perché il tessuto è in crescita da soli otto mesi, inizia a formarsi circa un mese dopo l’inizio della gravidanza. Ha avvertito: “Altri organi del tuo corpo si accumulano per periodi di tempo molto più lunghi”.

Leggi anche:

Campen ha dichiarato che la crescente concentrazione di microplastiche nei tessuti umani potrebbe spiegare l’aumento inspiegabile di alcuni tipi di problemi di salute, come la malattia infiammatoria intestinale e il cancro del colon nelle persone sotto i 50 anni, così come la diminuzione del numero di spermatozoi.

L’aumento della produzione globale di plastica dagli anni ’50 ha comportato tonnellate di rifiuti di plastica per persona sulla Terra. Un terzo della plastica prodotta è ancora in uso, ma la maggior parte è stata scartata, finendo nelle discariche dove l’esposizione alla luce solare inizia il processo di decomposizione.

Marcus Garcia, un ricercatore post-dottorato nel laboratorio di Campen che ha eseguito molti degli esperimenti, avverte il pubblico sulle conseguenze estensive di questa inquinamento da plastica. Ha affermato: “Finisce nelle acque sotterranee e talvolta si aerosolizza e finisce nel nostro ambiente. Non solo lo ingeriamo, ma lo inaliamo anche. Non influisce solo su di noi come esseri umani, ma anche su tutti i nostri animali – polli, bestiame – e tutte le nostre piante. Lo vediamo ovunque”.

Tuttavia, fino ad ora è stato difficile quantificare quanto microplastica fosse presente nei tessuti umani. Campen ha supportato le affermazioni di Garcia e ha fatto una dichiarazione simile: “La semivita di alcune cose è di 300 anni e la semivita di altre è di 50 anni, ma tra oggi e 300 anni alcune di queste plastiche si degradano. Le microplastiche che vediamo nell’ambientesono probabilmente vecchie di circa 40 o 50 anni. La situazione è solo destinata a peggiorare e la tendenza è che raddoppierà ogni 10-15 anni. Quindi, anche se smettessimo oggi, nel 2050 ci sarà tre volte più plastica nell’ambiente rispetto ad oggi. E non smetteremo oggi.”

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questa notizia? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 28 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments