La NASA vuole i reattori nucleari sulla Luna

Condividi l'articolo

L’agenzia spaziale statunitense sta finanziando i sistemi di alimentazione a fissione attraverso il Progetto Artemis

La NASA vorrebbe avere reattori nucleari per le spedizioni lunari e planetarie, ha affermato martedì l’agenzia spaziale statunitense, annunciando tre contratti per lo sviluppo di concept design entro la fine del decennio, in collaborazione con il Dipartimento dell’Energia. Il colosso militare-industriale Lockheed Martin è una delle società coinvolte, insieme al veterano nucleare Westinghouse.

La NASA spera di avere un progetto per il “sistema di alimentazione di superficie a fissione” pronto per il lancio entro la fine del decennio. John Wagner, direttore dell’Idaho National Laboratory del DOE, ha definito il progetto “un primo passo molto realizzabile verso gli Stati Uniti che stabiliscono l’energia nucleare sulla Luna”. 

Tre contratti di 12 mesi valgono ciascuno 5 milioni di dollari e finanzieranno i concetti di progettazione iniziale per un sistema di alimentazione a fissione da 40 kilowatt, con l’obbligo di durare almeno 10 anni nell’ambiente spietato della luna. Se dimostrati con successo sulla superficie lunare, i reattori potrebbero essere utilizzati per l’eventuale missione su Marte, ha affermato la NASA

Leggi anche:

Oltre a Lockheed Margin e Westinghouse, il terzo appaltatore sarà una società con sede in Texas chiamata IX. È una joint venture tra il designer di veicoli spaziali Intuitive Machines e X-Energy, sviluppatori di un reattore sperimentale a letto di ghiaia.

“Lo sviluppo di questi primi progetti ci aiuterà a gettare le basi per alimentare la nostra presenza umana a lungo termine su altri mondi”, ha affermato Jim Reuter della Space Technology Mission Directorate della NASA.

I sistemi di fissione sono relativamente più piccoli, più leggeri e possono fornire “energia continua indipendentemente dalla posizione, dalla luce solare disponibile e da altre condizioni ambientali naturali”, ha affermato l’agenzia spaziale. La NASA spera anche di ottenere “informazioni critiche” dall’industria nucleare che potrebbero portare allo sviluppo di sistemi di propulsione atomica per missioni di esplorazione dello spazio profondo.

I contratti fanno parte del programma Artemis, un’iniziativa statunitense per tornare sulla Luna e portare la prima donna e persona di colore sulla superficie lunare. Prende il nome dalla sorella gemella di Apollo, la divinità greca da cui prende il nome il primo colpo di luna degli Stati Uniti. I programmi iniziali prevedevano che il primo atterraggio avvenisse nel 2024, ma l’anno scorso la NASA ha affermato di non essere più sulla buona strada per raggiungerlo, adducendo la mancanza di finanziamenti.

A marzo, la NASA ha annunciato un piano per far atterrare gli esseri umani su Marte entro il 2040. Meno di una settimana dopo, ha dovuto annullare un test della navicella Artemis I a causa di problemi tecnici.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questa idea della NASA di collocare reattori nucleari sulla Luna? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected]libero.it.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: