Windows 11 solo su SSD? Microsoft ci sta pensando

Condividi l'articolo

Windows 11 ha raggiunto il mercato per poterlo cambiare. Questo è ciò che Microsoft sta mostrando con i diversi criteri che ha applicato o intende applicare in futuro. Ora, un nuovo report di Trendfocus afferma che l’azienda è pronta a includere un nuovo requisito per installare Windows 11: farlo su un’unità a stato solido o SSD. In questo modo, i dischi rigidi meccanici verrebbero completamente messi da parte.

Ad oggi, tra i requisiti che venivano imposti per poter installare Windows 11 e anche Windows 10 si limitavano ad avere uno storage maggiore di 64 GB. Ora vogliono dare la priorità all’esperienza utente con il sistema operativo, costringendo i produttori ad abbandonare i dischi meccanici e passare a un SSD se vogliono continuare a installare Windows 11 nei loro modelli futuri.

Windows 11 vuole dare la priorità a un’esperienza fluida

Logicamente, gli utenti cercano sempre di avere un’esperienza soddisfacente quando lavorano su un sistema operativo, ma in molte occasioni non avere questa esperienza non dipende solo dal software. Anche l’hardware ha un ruolo importante e più precisamente quello in cui è archiviato il sistema operativo , poiché sarà responsabile di avere velocità di lettura e scrittura ottimali.

Il problema, in questo caso, è che il mercato dei computer di fascia media o bassa è ancora fermo al passato e dispone di unità di archiviazione convenzionali, che sono hard disk meccanici. Questi hanno velocità di lettura inferiori rispetto agli SSD in commercio e questo significa che quando si lavora in Windows, si può vedere che le attività che vengono eseguite rallentano.

Alcune importanti differenze tra un vecchio HHD e una SSD
Leggi anche:

Ecco perché Microsoft con Windows 11 vuole finire per forzare il cambiamento completo in modo che tutti i computer debbano integrare unità a stato solido. Al momento la data che si pone è l’anno 2023, anche se bisognerà attendere che Microsoft lo comunichi ufficialmente, cosa che sarà sicuramente fatta nei prossimi mesi e in primis agli stessi produttori.

Questo è qualcosa che ha molto senso, dal momento che se guardiamo indietro in Windows 10 c’erano molti problemi con le unità HDD. Il problema dell’utilizzo del disco al 100% che ha completamente massacrato le prestazioni dell’apparecchiatura è davvero noto. Questo rende del tutto logico lasciare alcune unità che, sebbene abbiano fornito un ottimo servizio in passato, sono già state completamente obsolete per quello che verrà.

In questo modo, sebbene i modelli di computer di fascia alta non siano interessati , quelli di fascia bassa avranno problemi. Soprattutto per coloro che hanno già incluso Windows 10 di serie e vogliono fare il salto a Windows 11, che affronterà questo problema frontalmente.

Va ricordato che questo non è il primo requisito che viene imposto. Al rilascio di Windows 11, Microsoft ha imposto che la scheda madre avesse un chip TPM di sicurezza. Questo ha completamente appesantito i PC più anziani, anche se poi questo limite è stato risolto

Ora è da vedere se Microsoft avrà la stessa “compassione” con questi computer che hanno unità HDD nelle loro viscere, o se forzeranno una volta per tutte l’installazione di Windows 11 solo su PC con unità SSD.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Credi che Microsoft faccia bene a preferire l’installazione di Windows 11 solo su PC con SSD? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: