News

YouTube: arrestati per essersi spacciati per titolari di copyright

Condividi l'articolo

Due uomini sono stati arrestati e condannati a pagare un risarcimento di 3,3 milioni di dollari agli artisti dopo essersi spacciati per titolari legittimi dei diritti d’autore su YouTube. La truffa ha coinvolto il sistema Content ID di YouTube, che avrebbe dovuto proteggere i detentori dei diritti ma è stato invece utilizzato per sfruttarli.

Nel 2021, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha avviato un procedimento penale contro due uomini sospettati di gestire una truffa su larga scala utilizzando il sistema Content ID di YouTube. La loro azienda, MediaMuv LLC., non era un membro diretto del programma Content ID, ma operava attraverso una società di terze parti affidabile che aveva accesso alla piattaforma.

I truffatori hanno falsamente dichiarato di possedere i diritti su oltre 50.000 canzoni protette da copyright, generando così oltre 23 milioni di dollari di ricavi. Nel 2022, il primo imputato ha confessato la sua parte nella truffa dei diritti d’autore dichiarandosi colpevole. Webster Fernandez ha ammesso che si trattava di un piano semplice: trovare musica latina non ancora monetizzata su YouTube e rivendicarne i contenuti come propri.

Nel febbraio di quest’anno, il secondo imputato, Jose Teran, ha dichiarato la sua colpevolezza. Teran ha firmato un accordo di patteggiamento ammettendo di far parte della cospirazione, con l’accusa di frode informatica e riciclaggio di denaro.

Leggi anche:

Sebbene le confessioni colpevoli possano aver contribuito a ridurre le loro condanne, i due imputati non sono scampati facilmente. Quest’estate, un tribunale federale dell’Arizona ha condannato Teran a una pena detentiva di 70 mesi, seguita da tre anni di libertà vigilata. Alcune settimane dopo, lo stesso tribunale ha condannato Fernandez a 46 mesi di prigione per il suo ruolo nella cospirazione, seguiti da tre anni di liberazione vigilata.

Oltre alla pena detentiva, entrambi i condannati hanno dovuto confiscare molteplici beni legati ai loro crimini, tra cui conti bancari, diversi immobili e automobili.

Dopo la condanna, le autorità hanno chiesto alle vittime della truffa di YouTube Content ID di presentarsi per ottenere il risarcimento a cui avevano diritto. L’operazione MediaMuv ha preso di mira principalmente artisti di lingua spagnola che non monetizzavano ancora i loro contenuti su YouTube. Nel corso delle ultime settimane, centinaia di questi artisti hanno presentato le loro richieste, che vanno da poche dozzine di dollari fino a oltre 100.000 dollari.

Complessivamente, l’Ufficio del Procuratore degli Stati Uniti e gli avvocati della difesa hanno concordato un importo di risarcimento totale di oltre 3,3 milioni di dollari, che deve essere pagato immediatamente. Circa 800 artisti danneggiati hanno presentato le loro richieste. La richiesta più grande proviene da Cecilia Ramirez, vedova del cantautore messicano Agustín Ramírez, frontman della band Los Caminantes.

La richiesta della RIAA ammonta a 1.247.719,76 dollari ed è basata su musica falsamente rivendicata da centinaia di artisti, come dettagliato in un allegato di 57 pagine. Entrambi gli imputati condannati sono congiuntamente e severamente responsabili dei pagamenti di risarcimento. Il tempo necessario per ripagare gli artisti danneggiati dipenderà dal loro reddito e dai fondi disponibili.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questa vicenda? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 43 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
%d