John Matze è fiducioso: Parler tornerà online a fine gennaio

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
Dopo il ban sugli store Google ed Apple, il benservito di Amazon e le minacce di morte, il CEO di Parler John Matze rivela che il suo social network potrebbe tornare online già dalla fine di questo mese.

Il sito web di social media de-platform Parler potrebbe tornare entro la fine di gennaio, dopo che il sito è riapparso online dopo che Amazon Web Services (AWS) ha chiuso il sito a causa di presunte violazioni, secondo il CEO di Parler John Matze.

“Sono fiducioso che entro la fine del mese torneremo”, ha detto Matze a Fox News domenica sera. Il sito è riapparso online con una breve dichiarazione di Matze.

Secondo una ricerca WHOIS e come avevo anticipato in questo articolo, Parler avrebbe raggiunto un accordo con l’hosting web Epik, che ospita anche Gab.

“Ogni giorno cambia selvaggiamente, ma ora mi sento fiducioso”, ha detto Matze, secondo l’intervista a Fox News. “Stiamo facendo progressi significativi. Quando si accede a Parler.com, ora non entra nel vuoto, colpisce un server e restituisce solo un’informazione.”

Matze ha scritto in un aggiornamento sul sito che “ora sembra il momento giusto per ricordare a tutti voi, amanti e nemici, perché abbiamo avviato questa piattaforma”.

“Riteniamo che la privacy sia fondamentale e la libertà di parola essenziale, soprattutto sui social media”, ha osservato nella sua dichiarazione, datata 16 gennaio. “Il nostro obiettivo è sempre stato quello di fornire una piazza pubblica apartitica in cui gli individui possano godere ed esercitare i propri diritti su entrambi . Risolveremo qualsiasi sfida che ci attende e pianificheremo di dare il benvenuto a tutti voi presto. Non lasceremo che il discorso civile perisca!”

Matze ha detto all’emittente che è stato in grado di recuperare i dati di Parler da Amazon venerdì 15 gennaio, che è un passaggio chiave per il rilancio della piattaforma. “Ora possiamo effettivamente ricostruire Parler”, ha spiegato Matze. “È di fondamentale importanza.”

L’11 gennaio, Parler ha intentato una causa contro Amazon Web Services, affermando che l’azienda dovrebbe ripristinare i suoi servizi mentre afferma che Amazon è impegnata in pratiche monopolistiche. Amazon, in un deposito del tribunale di risposta, ha affermato che Parler ha violato i suoi termini e servizi non moderando le minacce di violenza e altri contenuti presumibilmente eclatanti, sebbene Parler abbia affermato che un rappresentante di Amazon sembrava essere preoccupato solo se il presidente Donald Trump si è unito ai social media sito web dopo che Twitter e altre grandi aziende tecnologiche hanno bandito i suoi account.

Matze ha aggiunto a Fox domenica che pubblicare il suo breve messaggio è stata una “grande pietra miliare” per riportare la piattaforma online.

“Metteremo lì aggiornamenti periodici”, ha detto Matze “Cercheremo di ottenere un aggiornamento ogni giorno … in modo che le persone possano rimanere aggiornate con il sito.”

Oltre ad Amazon, anche Google ed Apple hanno rimosso l’app di Parler dai rispettivi store Google Play ed App Store.

Articoli correlati:

La mossa per sospendere sia Parler che Trump dalle varie piattaforme come Twitter, Facebook, YouTube a vi dicendo, ha decretato la condanna a morte dei gruppi per le libertà civili e dei conservatori. D’altro canto però, tali mosse non sono state prive di conseguenze; Facebook e Twitter hanno infatto perso in pochi giorni oltre 40 miliardi di valore di mercato (vedi articolo). Pochi giorni dopo, per limitare i danni, Facebook e Instagram hanno deciso di ripristinare gli account del presidente Trump.

Parler, che si descrive come un sito di social media di “libertà di parola”, ha attirato un certo numero di sostenitori di Trump e altri conservatori, inclusi senatori e rappresentanti della Camera. A seguito del divieto di Trump su Twitter, il sito web è diventato l’app numero 1 su vari app store prima di essere rimosso.

Fonte

Esprimi il tuo parere!

Sei contento di rivedere Parler online a fine gennaio? Conosci altri metodi oltre ai cinque elencati nell’articolo? Fammi sapere che ne pensi lasciando un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso.

Per altre domande, informazioni o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Stai visitando il sito con Adblock In questo modo rendi inutile il mio lavoro. Se ci tieni al nostro futuro, per favore disabilita Adblock!
You are visiting the site with Adblock (This will make my work useless). If you care about our future, please disable Adblock!

Clicca con il tasto destro del mouse sull’icona di uno di questi Adblock del tuo browser…

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è adb-2.jpeg

…e disabilitalo come da esempio:

Aggiornando la pagina ora potrai navigare liberamente su guruhitech.com. Grazie! 🙂

0
Would love your thoughts, please comment.x