News

Piracy Shield: ecco i primi tre siti nel mirino

Condividi l'articolo

Il tanto atteso sistema di blocco Piracy Shield è ora pienamente operativo secondo le autorità italiane. I primi tre obiettivi ufficiali del sistema sono web-based, non provider IPTV tradizionali come alcuni si aspettavano. Nel frattempo, un’operazione condotta da oltre 100 agenti per sequestrare contrabbando all’interno di una prigione italiana ha portato alla scoperta di set-top box pirata nelle celle dei detenuti.

Quando oltre 100 agenti della “Polizia Penitenziaria” italiana hanno effettuato una massiccia operazione contro il contrabbando all’interno della prigione di Velletri la scorsa settimana, i bottini sono stati ampiamente riportati dai media. Il sequestro di una piccola quantità di droga ha avuto una menzione, così come il sequestro di sei telefoni, caricabatterie e una console PlayStation. Ma ciò che ha davvero suscitato l’immaginazione è stata la scoperta di set-top box pirata, che apparentemente consentivano agli utenti di accedere a vari contenuti TV a pagamento come Sky, Netflix, DAZN.

Un’immagine accompagnata da un articolo della Polizia Penitenziaria solleva più domande di quante ne risponda. Chi avrebbe contrabbandato un dispositivo Android in una scatola che ne raddoppia le dimensioni? Anche senza la scatola, i metodi tradizionali di contrabbando in prigione hanno la capacità di ospitare qualcosa di questa dimensione?

Leggi anche:

Fortunatamente, questi non sono i dispositivi che sono stati effettivamente sequestrati. La coppia scoperta nell’operazione erano Amazon Fire TV Stick, il che ha molto più senso, anche quando sono venduti con telecomandi.

Resta comunque il problema dell’accesso WiFi, figuriamoci un accesso WiFi stabile a sufficienza per eliminare il buffering all’interno di una prigione di cemento. Uno smartphone con un hotspot WiFi potrebbe essere sufficiente, ma, con fino a quattro anni di prigione per coloro che vengono sorpresi a contrabbandare oggetti illeciti, sembra difficilmente valga il rischio.

Tuttavia, confrontato con le punizioni previste dalla nuova legge approvata in Italia l’anno scorso, che prevede una multa di €5.000 e fino a tre anni di prigione per la visione di contenuti piratati a casa, all’improvviso non sembra così terribile. La domanda più grande è se questi dispositivi continueranno a godere di un’abbondante offerta di flussi live dopo il lancio completo del sistema Piracy Shield in Italia la scorsa settimana.

Piracy Shield fa il suo grande ingresso

Non ci sono ragioni evidenti per cui Piracy Shield non dovrebbe soddisfare le aspettative dei suoi sviluppatori presso Sp Tech, una startup collegata allo studio legale Previti. Tuttavia, non sarà possibile soddisfare gli standard vantati da alcuni dei suoi evangelisti auto-designati negli ultimi sei mesi.

Dopo essere stato lanciato a dicembre per rispettare una scadenza legale ma senza fare molto da allora, Piracy Shield ha fatto il suo ingresso ufficiale in tempo per la partita tra Lecce e Fiorentina allo stadio Via del Mare il 2 febbraio.

“Il debutto della piattaforma anti-pirateria rappresenta per la Serie A e, in generale, per l’intero mondo dei produttori di contenuti, un punto di svolta fondamentale che è stato atteso per molti mesi”, ha dichiarato il CEO della Serie A, Luigi De Siervo.

Calcio.re, primo obiettivo ufficiale di Piracy Shield

Il 29 gennaio 2024, il broadcaster DAZN ha presentato quella che sembra essere la prima richiesta ufficiale di blocco del sito Piracy Shield. DAZN ha scritto che, dato che un numero significativo di link che consentono l’accesso gratuito alle partite della Serie A era reso disponibile da un sito di streaming illecito, era necessaria un’azione urgente.

Calcio.re è una piattaforma online che consentiva all’utente di accedere gratuitamente alle partite della 21ª giornata della Serie A disputate il 20 e 21 gennaio 2024. Le opere digitali sono state quindi trasmesse in violazione del diritto d’autore. DAZN è il licenziatario ufficiale delle partite della Serie A e Serie B.

Dopo aver evidenziato precedenti violazioni dei propri contenuti, DAZN ha dichiarato violazioni sistematiche e in corso che richiedevano una risposta urgente, compresa la possibilità di bloccare eventuali domini futuri e indirizzi IP che possono essere “ricondotti agli stessi contenuti e attraverso i quali avvengono le violazioni”.

Per dimostrare i propri sforzi di verifica, DAZN ha fornito l’indirizzo email del sito (@mail.ru), ha indicato il registrar di dominio come Sarek Oy in Finlandia (raggiungibile tramite l’indirizzo email support@sarek.fi) e ha menzionato PrivActually Ltd, una società registrata a Cipro disponibile tramite un indirizzo email di Njalla.

Leggi anche:

Calcio.re utilizza Cloudflare e il servizio CDN ha già fornito a DAZN il nome dell’azienda che fornisce i servizi di hosting (peenq.nl nei Paesi Bassi) e le posizioni dei server, molto probabilmente in Estonia.

AGCOM ha concesso un’ordinanza di blocco, inizialmente tramite DNS entro 24 ore, e poi in modo perpetuo tramite DNS e indirizzo IP. Peccato che il sito abbia già provveduto a cambiare dominio in .pm e che sia anche facilmente raggiungibile con il redirect automatico… 😅

Secondo obiettivo: Stream.lc

Sempre il 29 gennaio, DAZN ha presentato una richiesta di blocco simile mirata al sito di streaming stream.lc. Come nel caso precedente, l’azienda ha scritto che erano state osservate violazioni il 20-21 gennaio, aggiungendo che altre violazioni sono sistematiche e in corso.

Il registrar di dominio di Stream.lc è stato identificato come NETIM SARL della Francia disponibile tramite Cloud DNS Ltd in Bulgaria. Anche Cloudflare ha fornito informazioni in questo caso, tra cui i dettagli di contatto del provider di hosting di Stream.lc. Si dice che operi dallo Sri Lanka, ma i server di LankaCloud sono presumibilmente situati in Ucraina.

AGCOM ha concesso un’ordinanza di blocco, inizialmente tramite DNS entro 24 ore, e poi in modo perpetuo tramite DNS e indirizzo IP.

Terzo obiettivo: re-fast.myworldiptv.xyz

Nella stessa data, la Serie A ha presentato una richiesta di blocco contro re-fast.myworldiptv.xyz. Il registrar di dominio del sito è stato identificato come GoDaddy, con Cloudflare che fornisce servizi di reverse proxy.

Cloudflare ha identificato gli indirizzi IP dei server che ospitano il sito, ma l’articolo tronca qui e non fornisce informazioni aggiuntive sulla concessione dell’ordinanza di blocco.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Credi che Piracy Shield sarà la soluzione definitiva allo streaming illegale? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
(Visited 1.122 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments