Noto YouTuber denuncia la censura di un influencer

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

La star di YouTube Jake Paul ha denunciato la limitazione della libertà di parola sui social media. Ha espresso specificamente la sua opposizione alla censura sui social media  dell’influencer Andrew Tate.

“Non mi piace Andrew Tate, ma mi occupo della libertà di parola”, ha detto Paul. Tate è stato recentemente bandito da tutte le piattaforme di social media e persino da banche, Skype, AirBnB e Uber.

Non importa come le persone dovrebbero essere in disaccordo con i pensieri o le opinioni di qualcuno, la censura è antidemocratica e non americana.

Paul era stato molto esplicito in passato riguardo alle politiche fallite dell’amministrazione Biden, che hanno portato ai “prezzi del gas più alti, alla peggiore inflazione, al crollo dei prezzi delle criptovalute, ai prezzi degli affitti più alti di sempre e alla creazione di un linguaggio nuovo e incomprensibile”.

In un’intervista con Jordan Conradson del Gateway Pundit, a Paul è stato chiesto dei tentativi di censurare gli americani da parte delle società Big Tech e dell’attuale amministrazione.

“Penso che lo stato della nostra società sia in un posto davvero interessante e in un brutto posto. In poche parole, non credo che ci dovrebbe essere censura. E il fatto che queste società private possano semplicemente togliere qualcuno dalla loro piattaforma è fottuto. E in effetti, la parte spaventosa è persino parlare contro di loro – come sto facendo attualmente – potrebbe farmi censurare”, ha detto Paul.

Leggi anche:

Ha continuato a dare un’occhiata a Mark Zuckerberg di Facebook e ai media mainstream. “Quindi non abbiamo più una vera, vera libertà di parola, il che è spaventoso. E personalmente, vedi Mark Zuckerberg ammetterlo dal vivo su Joe Rogan, e la notizia non è stata davvero discussa. Quindi, tutte queste piattaforme multimediali hanno narrazioni controllate da persone che le pagano in tasca”.

Questo era in riferimento a Mark Zuckerberg che aveva precedentemente ammesso a Joe Rogan che Facebook ha censurato algoritmicamente la storia del laptop di Hunter Biden per sette giorni sulla base di una richiesta del Federal Bureau of Investigation di proteggere i Biden in un momento critico.

Jawboning e controllo della narrazione

Questa non è stata l’unica volta in cui Facebook ha censurato qualcosa per controllare la narrativa.

Nel luglio 2021, Biden ha accusato Facebook di diffondere disinformazione sulla pandemia di COVID-19 e sul vaccino e l’amministrazione ha utilizzato i podi della Casa Bianca per fare affermazioni audaci e inesatte sul danno causato dalle società di social media, chiedendo implicitamente o esplicitamente che cambino le loro pratiche di moderazione dei contenuti per essere in linea con le preferenze dell’amministrazione.

Questo tipo di pressione del governo che tenta di influenzare le decisioni delle piattaforme private  e limitare la pubblicazione di discorsi sfavorevoli è noto come “sbalorditivo” ed è stato oggetto di un rapporto dell’analista politico del Cato Institute, Will Duffield.

Lasciato incontrollato, Duffield ha ipotizzato che la mascella può diventare “normalizzata come metodo extracostituzionale di regolazione del linguaggio”.

Ha detto: “Lo sbalordimento si verifica quando un funzionario del governo minaccia di usare il proprio potere, sia esso il potere di perseguire, regolamentare o legiferare, per costringere qualcuno a compiere azioni che il funzionario statale non può. La mandibola è pericolosa perché consente ai funzionari del governo di assumere poteri che non sono loro concessi dalla legge”.

Leggi anche:

Duffield ha anche rintracciato altri esempi di mascelle, come i tentativi di censura da parte dei politici. Sebbene non tutte le richieste siano accompagnate da minacce, tutte sono state presentate nel corso di una discussione sulla potenziale regolamentazione dei social media.

Poche piattaforme hanno resistito alle richieste del governo, con il servizio di messaggistica istantanea basato su cloud Telegram è una di queste. Tuttavia, Duffield ha notato che Telegram non ha sede negli Stati Uniti e quindi ha meno motivi per rispettare le sue leggi rispetto ad altre piattaforme come Facebook e Twitter. 

Ciò rende Telegram l’eccezione alla regola poiché il personale del Congresso sta ora facendo pressioni sui dipendenti dei social media per la moderazione dei contenuti a porte chiuse.

Guarda il video in cui Zuckerberg ammette che l’algoritmo di Facebook è pieno di censura:

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questa ennesima vicenda di censura sui social media? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Adblock Detected

Usi Adblock? E io come faccio a campare? 😥 Per favore, disabilitalo per questo sito! 🙏

Refresh Page
0
Would love your thoughts, please comment.x