Troppa censura: tre medici fanno causa a Twitter

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
1
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Banditi per aver pubblicato diversi post autorevoli

Tre medici professionisti hanno citato in giudizio Twitter per aver censurato i loro post relativi al COVID-19. La causa ha anche accusato Twitter di rifiutarsi di concedere ai medici badge “verificati” anche se soddisfacevano i criteri.

I dott. Robert Malone, Peter McCullough e Brian Tyson sono stati nominati querelanti nella causa depositata il 27 giugno presso la Corte Superiore della California a San Francisco. La causa ha affermato che Twitter ha violato i propri termini di servizio quando ha sospeso i tre querelanti per aver pubblicato la verità. Pertanto, ha chiesto al tribunale di ordinare a Twitter di ripristinare i propri account.

“Un tweet veritiero in merito alla politica, alla diagnosi e/o al trattamento del COVID-19 non violerebbe i termini di servizio [di Twitter], gli standard della comunità, le politiche di moderazione dei contenuti o le linee guida sulla disinformazione”, ha osservato la causa. Ha anche affermato che la piattaforma Big Tech ha violato i propri termini sospendendo definitivamente gli account che non avevano cinque strike. 

Leggi anche:

Secondo la politica dei cinque “colpi”, il primo non si traduce in punizione. Il secondo e il terzo strike meritano una sospensione di 12 ore, mentre il quarto si traduce in una sospensione di sette giorni. Gli utenti che subiscono cinque avvertimenti vengono definitivamente banditi da Twitter.

I querelanti hanno sottolineato di essere stati banditi dalla piattaforma anche se “nessuno dei [loro] tweet si è qualificato come sciopero o ha violato in altro modo le regole dichiarate [di Twitter]”. Hanno aggiunto che cercano di ritenere il gigante dei social media responsabile “come controparte di un contratto” e “come un promittente che ha violato i termini che ha messo in atto”.

Inoltre, i tre medici hanno affermato che Twitter ha rifiutato di concedere ai propri account badge “verificati” – mostrati come un segno di spunta blu accanto ai loro nomi – sui rispettivi profili. Utenti “notevoli e attivi” come “attivisti, organizzatori e altre persone influenti” sono qualificati per questi badge, che secondo Twitter sono necessari “per incoraggiare e mantenere la fiducia” sulla piattaforma.

La causa segue la precedente lettera dell’avvocato dei querelanti

La causa del 27 giugno ha fatto seguito a una lettera del 12 maggio dell’avvocato Matthew Tyson, consulente legale dei tre medici. La lettera indirizzata all’ufficio legale di Twitter invitava il gigante della Big Tech a ripristinare gli account dei querelanti, insieme a quelli del dottor George Fareed e del defunto dottor Vladimir “Zev” Zelenko.

Tyson ha scritto che i cinque medici erano tra “le voci più informate e disponibili al mondo riguardo al trattamento del COVID-19” che è stato bloccato “in modo inquietante” su Twitter. Ha aggiunto che i cinque “hanno utilizzato Twitter come uno strumento prezioso per condividere le loro esperienze di prima mano nel trattamento del COVID-19, trasmettere fatti importanti, esprimere i loro punti di vista e opinioni personali e promuovere i loro prodotti e servizi”.

“Sono stati ampiamente seguiti su Twitter e probabilmente hanno salvato migliaia di vite pubblicando messaggi dai loro account prima che ognuno di loro fosse sospeso”, ha osservato l’avvocato.

Leggi anche:

Tyson ha osservato che sebbene Twitter sia una società privata e che non fosse vincolata dal Primo Emendamento, pone “standard specifici della comunità per limitare la disinformazione COVID-19 sulla piattaforma” che era obbligata a seguire. “Nessuno di questi medici ha pubblicato informazioni false o fuorvianti, né ha ricevuto cinque scioperi prima della sospensione”, ha sottolineato.

“Non è un caso che Twitter abbia violato le proprie linee guida sulla disinformazione COVID-19 e sospeso gli account dei [cinque medici]. Twitter ha ricevuto minacce esplicite e implicite da funzionari del governo per censurare determinati punti di vista e oratori, per timore che [affronti] l’emendamento o la revoca della Sezione 230 o l’applicazione dell’antitrust”, ha continuato l’avvocato.

“Dott. Zelenko, Malone, Fareed, Tyson e McCullough non sono bot, truffatori o spammer. Sono medici riconosciuti a livello internazionale con messaggi convincenti che possono salvare vite umane. Twitter dovrebbe consentire loro di pubblicare, indipendentemente dal fatto che essa o l’attuale amministrazione sia d’accordo con loro o meno”.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questo ennesimo episodio di censura da parte di Twitter? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
1
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Adblock Detected

Usi Adblock? E io come faccio a campare? 😥 Per favore, disabilitalo per questo sito! 🙏

Refresh Page
0
Would love your thoughts, please comment.x