Rapporto shock: Big Tech influenzano le leggi della UE

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Man mano che il potere di mercato di Big Tech cresceva, aumentava anche la sua influenza politica. Ora, mentre l’UE cerca di tenere a freno gli aspetti più problematici della Big Tech – dalla disinformazione, alla pubblicità mirata alle pratiche di concorrenza sleale – i giganti digitali stanno facendo pressioni per definire nuove normative.

Google, Microsoft e Facebook in cima alle spese di lobbying dell’UE – Big Tech sborsano quasi 100 milioni di dollari; 612 aziende Big Tech hanno investito circa 97 milioni di dollari nella lotta contro le nuove leggi UE che regolano le loro attività attraverso il lobbying dei legislatori, con Google, Facebook e Microsoft in cima al conto.

“Nonostante il sostegno pubblico a queste proposte, i verbali delle riunioni, le strategie di lobbying trapelate e i documenti di posizione mostrano che le Big Tech stanno ancora facendo lobbying contro di esse, cercando di fare del loro meglio per annacquare qualsiasi regola dura”, ha affermato lo studio. Big Tech ora supera il settore farmaceutico, i combustibili fossili, la finanza per la spesa di lobbying dell’UE, ed è una “minaccia diretta alla nostra democrazia”.

Quello che stai per leggere è il rapporto completo condivisop dal sito https://corporateeurope.org/.

In “The Lobby Network”, Corporate Europe Observatory e Lobbycontrol offrono una panoramica della potenza di fuoco delle lobby dell’industria tecnologica dell’UE. Per la prima volta, mappiamo l'”universo” di attori che esercitano pressioni sull’economia digitale dell’UE, dai giganti della Silicon Valley ai contendenti di Shenzhen; dalle aziende create online a quelle che realizzano l’infrastruttura che fa funzionare Internet; giganti della tecnologia e nuovi arrivati.

Abbiamo trovato un “universo” ampio ma profondamente squilibrato:
  • Con 612 aziende, gruppi e associazioni di imprese che esercitano pressioni sulle politiche dell’economia digitale dell’UE. Insieme, spendono ogni anno oltre 97 milioni di euro per fare pressione sulle istituzioni dell’UE. Ciò rende la tecnologia il più grande settore di lobby dell’UE spendendo, davanti a prodotti farmaceutici, combustibili fossili, finanza e prodotti chimici.
  • Nonostante il numero variabile di giocatori, questo universo è dominato da una manciata di aziende. Solo dieci aziende sono responsabili di quasi un terzo della spesa totale delle lobby tecnologiche: Vodafone, Qualcomm, Intel, IBM, Amazon, Huawei, Apple, Microsoft, Facebook e Google spendono più di 32 milioni di euro per far sentire la propria voce nell’UE.
  • Di tutte le aziende che fanno pressioni sull’UE per la politica digitale, il 20% ha sede negli Stati Uniti, anche se questo numero è probabilmente anche più alto. Meno dell’1% ha sedi in Cina oa Hong Kong. Ciò implica che le aziende cinesi non hanno finora investito nella lobby dell’UE così pesantemente come le loro controparti statunitensi.
  • Le aziende del settore digitale non stanno solo facendo pressioni individualmente. Sono inoltre organizzati collettivamente in associazioni imprenditoriali e commerciali che sono esse stesse importanti attori di lobby. Le associazioni imprenditoriali che esercitano pressioni per conto della sola Big Tech hanno un budget di lobbying che supera di gran lunga quello del 75% più povero delle aziende del settore digitale.
I 10 migliori lobbisti dell’industria digitale
Le aziende tecnologiche classificate in base a quanto spendono per esercitare pressioni sulle istituzioni dell’UE.
Leggi anche:

Gli enormi budget per le lobby di Big Tech hanno un impatto significativo sui decisori politici dell’UE, che trovano regolarmente lobbisti digitali che bussano alla loro porta. L’attività di lobbying sulle proposte per un pacchetto di servizi digitali, il tentativo dell’UE di frenare la Big Tech, fornisce l’esempio perfetto di come l’immenso budget delle aziende fornisca loro un accesso privilegiato: funzionari di alto livello della Commissione hanno tenuto 271 riunioni, il 75% delle quali con lobbisti del settore. Google e Facebook hanno guidato il gruppo.

Nonostante il sostegno pubblico a queste proposte, i verbali delle riunioni, le strategie di lobbying trapelate e i documenti di posizione mostrano che Big Tech sta ancora facendo pressioni contro di loro, facendo del loro meglio per annacquare qualsiasi regola rigida. Questa battaglia di lobby si è ora spostata al Parlamento europeo e al Consiglio e, nonostante la mancanza di trasparenza, iniziamo a vedere l’impronta lobbistica di Big Tech nelle capitali dell’UE come Tallinn, in Estonia.

Tommaso Valletti, ex capo economista della Direzione della concorrenza della Commissione europea e professore di economia all’Imperial College, ha aggiunto:

“Il potere economico e politico dei giganti digitali è enorme e non rimarranno passivi di fronte a possibili nuove regole che influiranno sul modo in cui conducono la loro attività. Ecco perché le istituzioni dell’UE devono urgentemente cambiare il modo in cui gestiscono questa attività di lobbying e limitare il potere della grande tecnologia.“

Shoshana Zuboff Sidenote, critico accademico e della Big Tech, ha sostenuto che il lobbismo, oltre a stabilire relazioni con politici eletti, una porta girevole costante e una campagna per l’influenza culturale e accademica, ha agito come la fortificazione che ha consentito un modello di business, costruito sulla violazione della privacy delle persone e dominare ingiustamente il mercato, per prosperare senza essere sfidato.

Leggi anche:

Sembra che sia così anche in Europa. Ora, di fronte alle crescenti critiche nei confronti delle pratiche e dei modelli aziendali di queste aziende, queste aziende stanno ora cercando di “reimpostare la narrativa”. Il tempo di essere orgogliosi del motto “muoviti veloce, rompi le cose” è alle nostre spalle poiché gli scandali successivi hanno dimostrato che tra le cose che Big Tech ha rotto c’erano il diritto delle persone alla privacy, alla concorrenza leale e ai processi democratici.

Ciò che colpisce di più è il modo in cui Big Tech sta cercando di controllare la narrativa sulla regolamentazione dei mercati e dei servizi digitali, attraverso il suo ampio uso di gruppi di riflessione, gruppi industriali, nomi di alto livello e società di consulenza e ricerca accademica.
La nuova narrativa di Big Tech si basa sul supporto pubblico di nuove regole, ma solo regole morbide, modellate da loro stesse. Questo è poi combinato con i tentativi di riformulare la regolamentazione come una minaccia, non per i propri profitti ma per le PMI ei consumatori. L’ultima componente sta alimentando i timori geopolitici avvertendo che la regolamentazione farà sì che l’Europa rimanga indietro rispetto agli Stati Uniti e, soprattutto, alla Cina. Alla base di questa narrativa c’è ancora la convinzione che la regolamentazione soffochi l’innovazione.

Il lobbismo di Big Tech si basa anche sul finanziamento di un’ampia rete di terze parti, tra cui think tank, associazioni di PMI e startup e consulenti legali ed economici per far passare i suoi messaggi. Questi collegamenti spesso non vengono divulgati, offuscando potenziali pregiudizi e conflitti di interesse.

Ci sono 14 think tank e ONG con stretti legami con le aziende Big Tech. L’etica e la pratica di queste organizzazioni politiche variano, ma alcune sembrano aver svolto un ruolo particolarmente attivo nelle discussioni sul pacchetto dei servizi digitali, ospitando dibattiti esclusivi o distorti per conto dei loro finanziatori o pubblicando rapporti allarmistici.

Leggi anche:

C’è un problema di opacità qui: le aziende Big Tech hanno avuto scarsi risultati nel dichiarare il loro finanziamento di gruppi di riflessione, per lo più divulgando questi collegamenti solo dopo aver subito pressioni. E anche ancora questa divulgazione non è completa. A questo Big Tech aggiunge il suo finanziamento alle associazioni di PMI e startup; e il fatto che anche gli esperti di diritto ed economia assunti da Big Tech partecipino alle discussioni politiche, spesso senza rivelare i propri clienti o collegamenti aziendali.

Prima della pubblicazione, Corporate Europe Observatory e Lobbycontrol hanno contattato SME Connect, il Wilfried Martens Centre, Eline Chivot, ECIPE, Allied for Startups, Oxera Consulting e Compass Lexecon. Al momento della pubblicazione avevano risposto solo ECIPE e Allied for Startups. Puoi leggere le loro risposte integralmente qui e qui.

Agustín Reyna, direttore degli affari giuridici ed economici presso l’Organizzazione europea dei consumatori (BEUC), ha risposto a questi risultati dicendo:

“La cosa più sorprendente è il modo in cui Big Tech sta cercando di controllare la narrativa sulla regolamentazione dei mercati e dei servizi digitali, attraverso il suo ampio uso di think-tank, gruppi industriali, nomi di alto livello e società di consulenza e ricerca accademica. Con un sacco di soldi e una presenza imponente, Big Tech sta cercando di impedire l’emergere di regole dell’UE che li costringeranno a cambiare il modo in cui operano in Europa”.

L’eurodeputata verde Alexandra Geese ha reagito affermando che “è inaccettabile come le aziende tecnologiche dominino il dibattito pubblico sulla legislazione digitale, in particolare DSA/DMA, attraverso il loro accesso diretto alla Commissione europea e ai legislatori, nonché attraverso gruppi di riflessione e istituzioni accademiche da loro finanziate. Apparentemente pronti ad accontentarsi di una normativa ea collaborare con le autorità, orientano il dibattito verso temi che non mettono in discussione il loro modello di business”.

Leggi anche:

L’eurodeputato, relatore ombra sul DSA, ha aggiunto che “abbiamo bisogno di più esperti indipendenti nel mondo accademico: anche per i legislatori è difficile trovare consigli di esperti da istituzioni accademiche che non siano finanziati dalla tecnologia. Questo non è nel migliore interesse del nostro cittadini.“

Le immense risorse di lobbying di Big Tech riflettono il crescente dominio del settore nell’economia e nella società nel suo insieme. Dieci anni fa, l’immagine del lobbismo dell’UE era diversa, con settori come la finanza o il settore farmaceutico che la dominavano. Ma questo è cambiato nell’ultimo decennio con Big Tech che li ha sorpassati in termini di spesa, portata e influenza.

Ma non è solo la potenza di fuoco della lobby della Big Tech a essere un problema: i suoi modelli di business minacciano di minare i diritti delle persone, la concorrenza leale e il processo decisionale democratico nelle nostre società. L’enorme concentrazione di potere economico e di lobby è una minaccia diretta alla nostra democrazia.

Il potere allarmante del settore digitale dovrebbe essere un campanello d’allarme per mettere in atto una regolamentazione delle lobby più rigorosa sia a livello dell’UE che degli Stati membri e per assicurarsi che vengano creati nuovi strumenti per limitare il potere delle società che altrimenti lo userebbero per modellare la legislazione secondo i propri interessi.

A questo punto, il sito CorporateEurope espone il suo piano. Anche in questo caso vi riporto le parole esatte del sito:

IL NOSTRO PROGRAMMA PER LIMITARE IL POTERE DELLA BIG TECH:
  • Trasparenza efficace delle lobby senza scappatoie, compreso un registro per la trasparenza molto più forte e meglio attrezzato;
  • Adeguati requisiti di trasparenza dei finanziamenti per i gruppi di riflessione e altre organizzazioni per rivelare le loro fonti di finanziamento;
  • Bloccare la porta girevole tra le istituzioni dell’UE e le aziende Big Tech rafforzando le regole etiche e istituendo un comitato etico indipendente in grado di avviare indagini e applicare sanzioni;
  • Maggiore trasparenza e responsabilità democratica a livello degli Stati membri e del Consiglio;
  • Garantire un equilibrio tra le parti interessate ascoltate, ciò potrebbe includere la limitazione delle riunioni di lobby non appena si verifica uno squilibrio sia a livello di Commissione che di PE;
  • I funzionari ei responsabili politici dell’UE dovrebbero anche cercare in modo proattivo le voci di coloro che hanno meno risorse: PMI, accademici indipendenti, gruppi della società civile, gruppi locali;
  • Funzionari e responsabili politici dell’UE dovrebbero essere scettici nei confronti di coloro che esercitano pressioni su di loro: interrogare le loro fonti di finanziamento, controllare le loro fonti, denunciare qualsiasi tipo di attività illecita/non trasparente/non etica che devono affrontare;
  • I funzionari e i responsabili politici dell’UE non dovrebbero partecipare o partecipare a eventi o dibattiti che sono chiusi al pubblico, tenuti secondo le regole di Chatham House o che non rivelano la loro sponsorizzazione;
E ancora…
  • Gli esperti che partecipano alle discussioni sulle politiche dovrebbero sempre rivelare i propri clienti e i potenziali conflitti di interesse. Ogni volta che le organizzazioni di esperti vengono coinvolte nella comunicazione con i decisori e negli eventi politici per conto dei clienti, dovrebbero registrarsi nel registro per la trasparenza dell’UE e rivelare ai loro clienti che stanno fornendo il denaro per queste attività;
  • Affrontare l’eccessivo potere di mercato delle aziende Big Tech rafforzando gli obblighi per i guardiani, rafforzando i controlli sulle fusioni e sviluppando strumenti strutturali per spezzare i monopoli digitali fin troppo potenti;
  • Responsabilizzare e proteggere i cittadini affrontando la privacy sfruttando il modello di business delle piattaforme digitali, vietando la pubblicità basata sulla sorveglianza e consentendo agli utenti di rinunciare ai sistemi di raccomandazione dei contenuti;
  • Anche la società civile deve agire. Il mondo accademico, i think tank e le ONG che mantengono legami con Big Tech devono considerare in modo critico come possono funzionare come parte del soft power dell’azienda e dovrebbero considerare di tagliare quei legami.

Gli sforzi per regolamentare l’economia digitale hanno il potenziale per fornire un Internet migliore, al servizio delle persone, delle piccole imprese e delle comunità. È fondamentale che le voci indipendenti e i cittadini siano coinvolti in queste discussioni politiche per garantire che i lobbisti non riescano a plasmare il futuro della tecnologia.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questo rapporto contro Big Tech? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo



Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Stai visitando il sito con Adblock In questo modo rendi inutile il mio lavoro. Se ci tieni al nostro futuro, per favore disabilita Adblock!
You are visiting the site with Adblock (This will make my work useless). If you care about our future, please disable Adblock!

Clicca con il tasto destro del mouse sull’icona Adblock del tuo browser

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1a.jpeg

Clicca su Sospendi su questo sito

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2a.jpeg

Ora l’icona di Adblock ora è diventata verde.

Aggiornando la pagina ora potrai navigare liberamente su guruhitech.com. Grazie! 😀

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x