News

OLED più resistenti e convenienti: una nuova tecnologia rivoluzionaria

Condividi l'articolo

I ricercatori britannici hanno sviluppato un nuovo componente che promette di prolungare la durata dei display OLED (diodi organici a emissione di luce) e di ridurne i costi di produzione.

Gli OLED sono costituiti da tre strati sovrapposti: due elettrodi e uno strato semiconduttore organico che emette luce quando viene attraversato dall’elettricità. Sebbene gli OLED siano noti per la loro eccellente qualità delle immagini, sono più costosi da produrre rispetto ai display LCD e hanno una durata di vita più breve a causa del burn-in dei pixel nel tempo.

Leggi anche:

Il problema principale degli OLED è che parte dell’energia viene deviata, portando al deterioramento della struttura del LED. I LED blu sono particolarmente sensibili a questo problema.

Per risolvere questo problema, i ricercatori hanno sviluppato una nuova molecola che emette luce in grado di bloccare il percorso dell’elettricità indesiderata. Questa molecola ha uno spettro di emissione più ristretto, che produce una luce blu più pura e riduce il deterioramento dei LED.

Utilizzando questa nuova molecola, i produttori di display OLED saranno in grado di creare diodi più efficienti che consumano meno energia. Ciò porterà a una riduzione dei costi di produzione e a una maggiore durata dei display OLED.

Questa scoperta rappresenta un passo significativo verso la produzione di display OLED più convenienti e durevoli, che potrebbero trovare applicazioni in una vasta gamma di dispositivi, dai televisori agli smartphone.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Ti è piaciuta questa notizia? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 35 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments